domenica 19 febbraio | 12:59
pubblicato il 26/giu/2015 13:39

Brevetti, Gulino: innovazione senza tutela non produce ricchezza

"Importante proprietà industriale per piccole e medie imprese"

Brevetti, Gulino: innovazione senza tutela non produce ricchezza

Roma, (askanews) - Innovazione e proprietà industriale: un legame inscindibile per massimizzare il mercato unico digitale e competere a livello globale. L'importanza del binomio è sottolineata da Loredana Gulino, direttore generale dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, durante la presentazione del progetto "Learn to Project" che si avvale di una piattaforma mobile-learning per la formazione sui temi della proprietà intellettuale rivolta alle piccole e medie imprese.

"Le nostre imprese, le nostre piccole e medie imprese, non hanno ancora una propensione all'utilizzo degli strumenti di proprietà industriale e alla conoscenza di essa. Questo progetto sicuramente aiuterà sensibilizzando con lezioni on line sull'importanza e sul valore economico dei titoli di proprietà industriale".

L'importanza di depositare i brevetti: "L'innovazione senza tutela non produce ricchezza, non produce circuito virtuoso che deve produrre. La start-up impara ad utilizzare nella giusta misura il brevetto, valorizzerà il proprio asset non solo intellettuale ma anche oggettivo e fisico".

Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: sistema sostenibile, altri vorrebbero copiarlo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia