venerdì 24 febbraio | 12:11
pubblicato il 26/giu/2015 13:36

Brevetti, Boccadutri: patrimonio start-up è tutela intellettuale

"La loro vera ricchezza è difendere le teste creative"

Brevetti, Boccadutri: patrimonio start-up è tutela intellettuale

Roma, (askanews) - "La vera ricchezza delle start-up è la loro capacità di innovare. Per una start-up è il loro patrimonio e se non è ben tutelato rischia di morire. La ricchezza non sta tanto in risorse tecniche o beni strumentali ma proprio in quello che sono le teste creative. Tutelare il patrimonio significa dunque consentirgli di crescere su quella proprietà intellettuale creata e poter investire ulteriormente per svilupparla. Non ci può essere innovazione senza tutela delle innovazioni future e di proprietà intellettuale". Lo ha sostenuto l'onorevole Sergio Boccadutri, della VI Commissione Finanza della Camera dei Deputati, durante la presentazione del progetto "Learn to Project" che si avvale di una piattaforma mobile-learning per la formazione sui temi della proprietà intellettuale rivolta alle piccole e medie imprese.

Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech