mercoledì 22 febbraio | 23:59
pubblicato il 20/ott/2014 17:32

Bracco(Expo 2015): soddisfatta per soluzione dopo uscita Acerbo

Assicura completa integrazione fra società e Padiglione Italia

Bracco(Expo 2015): soddisfatta per soluzione dopo uscita Acerbo

Milano, 20 ott. (askanews) - Diana Bracco è soddisfatta per la "tempestiva soluzione trovata" sul Padiglione Italia di Expo 2015 dopo l'uscita di Antonio Acerbo, finito agli arresti domiciliari. "Siamo soddisfatti per questa scelta, che consente e assicura una completa integrazione fra Expo 2015 e Padiglione Italia" ha scritto in una nota riferendosi al fatto che, da oggi, la responsabilità della costruzione del Padiglione è passata al commissario unico Giuseppe Sala, mentre quella dei "contenuti" resta alla stessa Bracco. "E' molto positivo che la decisione sia maturata con grande tempestività come io stessa avevo sollecitato. Ora con il dottor Giuseppe Sala lavoreremo fianco a fianco per raggiugere in tempo gli obiettivi comuni" ha aggiunto Bracco che è presidente della società Expo 2015 e commissario del Governo per il Padiglione Italia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech