sabato 03 dicembre | 21:07
pubblicato il 16/mag/2013 13:46

Bpm: Dell'Aringa, spa non necessaria. Tutelare modello cooperativo

(ASCA) - Milano, 16 mag - Il modello cooperativo di Bpm va tutelato, al massimo rivisto con qualche aggiustamento, ma di certo ''non va buttato a mare''. Ne e' convinto Carlo Dell'Aringa, attuale sottosegretario al Welfare con un passato da consigliere di sorveglianza di Bpm. A suo giudizio ''la trasformazione in spa non e' la soluzione necessaria per mettere a posto la banca''. Al contrario ''il voto capitario va tutelato, perche' altrimenti Bpm non e' piu' una cooperativa''. Insomma, se ''qualche aggiustamento e' necessario'', secondo Dell'Aringa ''bisogna dare piu' spazio alla rappresentanza del capitale e della societa' civile''.

fcz/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari