venerdì 09 dicembre | 13:21
pubblicato il 09/feb/2016 10:38

Borse, Cottarelli:volatilità mercati riflesso problemi strutturali

Per l'esperto c'è troppo debito nel mondo, privato e pubblico

Borse, Cottarelli:volatilità mercati riflesso problemi strutturali

Washington, 9 feb. (askanews) - Le incertezze che si osservano nei mercati finanziari globali, protagonisti di una forte volatilità, potranno essere anche esagerate ma fondamentalmente riflettono problemi strutturali dell'economia mondiale in cui il debito sia pubblico sia privato è troppo alto e in cui la classe media - quella che una volta sosteneva la domanda - sta scomparendo. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo del Fondo monetario internazionale per l'Italia.

Parlando ieri nella serata americana dall'ambasciata italiana a Washington - dove la comunità italiana si era riunita per onorare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella - Cottarelli ha avvertito: quei problemi strutturali "riemergono ogni tanto e secondo me in buona parte sono legati al grosso cambiamento che c'è stato nella distribuzione del reddito negli ultimi 20-30 anni: la classe media si è impoverita e ha meno potere di acquisto. Per indurla a consumare, e questo è molto chiaro in Usa, si sono dovuti tenere i tassi di interesse molto bassi e quindi le famiglie si sono indebitate".

Facendo notare come quelle americane lo siano in modo particolare, Cottarelli ha spiegato che "in generale, il debito delle famiglie nel mondo avanzano è aumentato. Questo significa che quando i tassi di interesse iniziano ad andare su, [quelle famiglie] possono avere dei problemi. Questo è quello che è successo e che dopotutto ha portato alla crisi nel 2008".

Secondo l'ex responsabile della spending review con i governi di Enrico Letta e Matteo Renzi, "questa debolezza strutturale rimane" tutt'oggi. "C'è troppo debito nel mondo, sia privato sia pubblico", ha dichiarato Cottarelli che ha domandato retoricamente perché. "Forse perché i tassi sono stati troppo bassi per troppo tempo", ha continuato. Ma perché lo sono stati? "Perché si bisognava alimentare la domanda da parte di famiglie che avevano ridotto il loro reddito. Sapete quanto è cambiata la distribuzione del reddito negli Stati Uniti? Gli indici della distribuzione del reddito sono tornati a quelli che c'erano nel 1910. Tra il 1900 e il 1980 la distribuzione del reddito si era equilibrata. Negli ultimi 30 anni si è squilibrata di nuovo. La classe media americana sta scomparendo. Ci sono i molto ricchi e i molto poveri; il mezzo - che è quello che spingeva la domanda - sta scomparendo. Per mantenere in vita la domanda di questa classe media, si deve indurre la classe media a indebitarsi. Però questo può funzionare fino a un certo punto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina