sabato 25 febbraio | 11:23
pubblicato il 28/ago/2013 12:00

Borsa/ Milano snobba Siria e rimbalza, Ftse Mib +1%. Spread giù

Volano le banche popolari. E il petrolio tocca massimi 2 anni

Borsa/ Milano snobba Siria e rimbalza, Ftse Mib +1%. Spread giù

Milano, 28 ago. (askanews) - Reduce da tre seduta da dimenticare sulla scia delle incertezze politiche e dei timori per un intervento militare in Siria, Piazza Affari ha rialzato oggi la testa e messo a segno un rimbalzo, in controtendenza rispetto alla performance delle altre Borse europee. L'indice principale Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,98% a 16.743 punti, spinto dal recupero dei titoli bancari. Tra le blue chip sugli scudi le popolari: Banco Popolare +6,79%, e Ubi Banca +6,36%. Forte anche Eni (+2,85%). Sul fronte del mercato obbligazionario è in discesa anche lo spread tra Btp e Bund in area 252 punti dopo aver toccato la soglia dei 260 punti, mentre sui mercati internazionali è schizzato il prezzo del petrolio sull'effetto Siria: i future sul Wti hanno toccato oggi i massimi da due anni a 112 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech