martedì 28 febbraio | 18:26
pubblicato il 07/nov/2011 18:01

Borsa/ Milano migliore d'Europa su voci Berlusconi,spread record

Mercato specula su rumors dimissioni. Top rendimento Btp al 6,67%

Borsa/ Milano migliore d'Europa su voci Berlusconi,spread record

Milano, 7 nov. (askanews) - Il caso Italia ha tenuto banco oggi sui mercati finanziari sulle voci, poi smentite, di dimissioni del premier Silvio Berlusconi e con i nostri titoli di Stato di nuovo nel mirino. Piazza Affari, spinta dalle speculazioni su un possibile passo indietro del Presidente del Consiglio, ha messo a segno la miglior performance tra le principali Borse del Vecchio Continente, con il Ftse Mib che ha chiuso in rialzo dell'1,32%, mentre nel resto d'Europa ha predominato il segno meno, sulle incertezze di una soluzione definitiva della crisi del debito sovrano nell'eurozona. Parigi ha ceduto lo 0,64%, Francoforte lo 0,63%. "Nonostante le smentite, oggi gli occhi erano tutti sull'Italia e sul destino di Berlusconi e del suo governo", commentano dalle sale operative. La giornata era iniziata malissimo per Milano, con gli indici in forte ribasso, in calo di oltre due punti percentuale, e un nuovo record storico dello spread Btp-Bund a 491 punti base, con il rendimento del titolo decennale volato al 6,66%. Superando quella soglia del 6,5% considerata da molti analisti punto di non ritorno. Poi sono arrivati i primi rumors, con il direttore del Foglio, Giuliano Ferrara, che su Internet dichiara che l'addio di Berlusconi è questione di ore: Piazza Affari vira in positivo e balza di oltre tre punti percentuale, lo spread bruscamente si restringe di quasi 20 punti, arrivando a 473. Nel giro di mezz'ora sono cominciate ad arrivare le smentite, prima per bocca di Fabrizio Cicchitto poi dello stesso premier via Facebook, e il Ftse Mib ha iniziato a rallentare la corsa per assestarsi intorno a +1,5%, con il differenziale tra Btp e Bund che si è riportato sui 480 punti, per poi accelerare sul finale di seduta sfiorando quota 490 punti e facendo segnare un nuovo record per il rendimento del decennale italiano al 6,67%. A Piazza Affari, rimbalzo diffuso: Mediobanca (+5,36%) miglior blue chip, bene anche Fiat (+2,9%) e Intesa Sanpaolo (+2,84%). Male Mps (-4,28%), su cui ha pesato il downgrade di Barclays. Invariata Mediaset (+0,08%), alla vigilia dei conti trimestrali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Welfare
Inps: al via nuovo piano assistenza per 30mila non autosufficienti
Inflazione
L'inflazione accelera, a febbraio all'1,5% ai massimi da 4 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech