sabato 10 dicembre | 21:30
pubblicato il 27/ago/2013 18:24

Borsa: martedi' nero sui timori per la Siria, spread risale a 260 punti

Borsa: martedi' nero sui timori per la Siria, spread risale a 260 punti

(ASCA) - Roma, 27 ago - Chiusura in forte calo per Piazza Affari, con l'indice Ftse Mib che, dopo il -2,10% di ieri, oggi ha lasciato sul terreno il 2,34% a 16.579 punti, e il Ftse All Share che ha perso l'1,94% a quota 17.641. Il listino ha risentito come tutte le principali piazze europee delle incertezze legate alla situazione in Siria, con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna che vengono dati pronti ad intervenire militarmente per fermare la guerra civile. A Parigi il Cac-40 ha terminato le contrattazioni in calo del 2,42%, a Londra il Ftse100 dello 0,79%, a Francoforte il Dax -2,28% e a Madrid l'Ibex -2,96%. Tra i titoli quotati a Piazza Affari, in netto calo Buzzi Unicem, che ha lasciato sul terreno il 4,45% a 10,51 euro, Intesa Sanpaolo che ha ceduto il 4,37% a 1,445 euro, Unicredit che e' scesa del 4,17% a 4,232 euro, Mediobanca (-4,09% a 4,60 euro) e Mediolanum (-3,89 a 5,31 euro). In netta risalita anche il differenziale tra titoli di stato decennali italiani e tedeschi, che ha chiuso a quota 260 punti base, con il rendimento del Btp decennale al 4,45% e quello del Bund tedesco all'1,84%. Nelle sale operative l'allargamento dello spread viene ricondotto principalmente a fattori internazionali, in primis ai venti di guerra che spirano sulla Siria. E cosi', da parte degli investitori, spiegano i traders, sono in atto strategie di ''fly to quality'' che nell'Eurozona prediligono i titoli di stato di Berlino, premiando la Germania e andando ad alleggerire le posizioni sui cosidetti paesi periferici, in primis l'Italia, su cui pesano anche le incertezze del quadro politico. La stessa pressione non si registra infatti su un altro paese ''periferico'' quale la Spagna, dove i rendimenti dei Bonos decennali viaggiano stabili al 4,47%. La maggiore avversione al rischio sull'Italia rispetto alla Spagna si traduce nel sostanziale azzeramento dello spread tra Bonos (4,47%) e Btp (4,45%), ora ridotto a soli 2 punti. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina