mercoledì 18 gennaio | 09:22
pubblicato il 27/ago/2013 18:24

Borsa: martedi' nero sui timori per la Siria, spread risale a 260 punti

Borsa: martedi' nero sui timori per la Siria, spread risale a 260 punti

(ASCA) - Roma, 27 ago - Chiusura in forte calo per Piazza Affari, con l'indice Ftse Mib che, dopo il -2,10% di ieri, oggi ha lasciato sul terreno il 2,34% a 16.579 punti, e il Ftse All Share che ha perso l'1,94% a quota 17.641. Il listino ha risentito come tutte le principali piazze europee delle incertezze legate alla situazione in Siria, con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna che vengono dati pronti ad intervenire militarmente per fermare la guerra civile. A Parigi il Cac-40 ha terminato le contrattazioni in calo del 2,42%, a Londra il Ftse100 dello 0,79%, a Francoforte il Dax -2,28% e a Madrid l'Ibex -2,96%. Tra i titoli quotati a Piazza Affari, in netto calo Buzzi Unicem, che ha lasciato sul terreno il 4,45% a 10,51 euro, Intesa Sanpaolo che ha ceduto il 4,37% a 1,445 euro, Unicredit che e' scesa del 4,17% a 4,232 euro, Mediobanca (-4,09% a 4,60 euro) e Mediolanum (-3,89 a 5,31 euro). In netta risalita anche il differenziale tra titoli di stato decennali italiani e tedeschi, che ha chiuso a quota 260 punti base, con il rendimento del Btp decennale al 4,45% e quello del Bund tedesco all'1,84%. Nelle sale operative l'allargamento dello spread viene ricondotto principalmente a fattori internazionali, in primis ai venti di guerra che spirano sulla Siria. E cosi', da parte degli investitori, spiegano i traders, sono in atto strategie di ''fly to quality'' che nell'Eurozona prediligono i titoli di stato di Berlino, premiando la Germania e andando ad alleggerire le posizioni sui cosidetti paesi periferici, in primis l'Italia, su cui pesano anche le incertezze del quadro politico. La stessa pressione non si registra infatti su un altro paese ''periferico'' quale la Spagna, dove i rendimenti dei Bonos decennali viaggiano stabili al 4,47%. La maggiore avversione al rischio sull'Italia rispetto alla Spagna si traduce nel sostanziale azzeramento dello spread tra Bonos (4,47%) e Btp (4,45%), ora ridotto a soli 2 punti. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa