domenica 11 dicembre | 11:16
pubblicato il 07/lug/2014 18:20

Borsa: la produzione industriale tedesca deprime i mercati

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - Avvio di settimana negativo per le borse europee con Milano maglia nera tra i principali mercati del Vecchio Continente. A deprimere gli operatori il dato deludente della produzione industriale in Germania con una contrazione, la seconda consecutiva, dell'1,8% anche se a Berlino sottolineano che l'indice e' stato penalizzato dal calendario. Guardando i mercati azionari nella seconda parte di seduta gli indici hanno ripiegato con decisione anche per effetto della partenza negativa a Wall Street. A Milano l'indice Ftse Mib cede l'1,33% e il Ftse all share arretra dell'1,29%. Peggio di Piazza Affari hanno fatto Parigi e Madrid, Francoforte ha chiuso in calo dell'1%, piu' resistente Londra con il Ftse 100 in flessione di quasi mezzo punto percentuale. Sui mercati azionari nessun effetto dalle parole di due esponenti della Bce. Benoit Coeur ha lasciato intendere che il periodo di tassi d'interesse bassi nell'Eurozona sara' piu' lungo del previsto. Ewald Novotny, ha sottolineato che le recenti misure varate dall'Eurotower stanno producendo un impatto significativo, testimoniato dalla riduzione dell'Euribor e dall'indebolimento dell'euro. Giornata tranquilla invece sul mercato dei titoli di Stato con lo spread tra Btp decennale e Bund tedesco in lieve calo a 155 punti. Scorrendo i titoli principali a Piazza Affari, seduta piuttosto avara di spunti operativi. Fa eccezione Mediaset che ha annunciato l'accordo con Telefonica per l'ingresso degli spagnoli in Mediaset Premium con 100 milioni di euro per l'11,1%. Il titolo e' partito in rialzo fino a sfiorare il 4% poi ha ripiegato sulle prese di beneficio terminando in calo di quasi un punto percentuale. Pesanti tra i bancari Mps e Bper con flessioni superiori al 3%, ribassi intorno al 2,50% per Mediobanca e Finmeccanica. Maglia rosa Gtech con un rialzo dell'1,65% e acquisti anche su Saipem e Autogrill con rialzi intorno allo 0,50%. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina