giovedì 08 dicembre | 19:55
pubblicato il 24/apr/2012 16:27

Borsa/ Europa risale, altalena Milano a +1,38% spread cala a 396

Dati negativi dagli Usa ma Wall Street si orienta a recupero

Borsa/ Europa risale, altalena Milano a +1,38% spread cala a 396

Roma, 24 apr. (askanews) - Riprende slancio a tarda seduta la Borsa di Milano, in un quadro di perdurante volatilità che vede le maggiori piazze europee tentare parziali rimbalzi dopo le forti cadute di ieri. Intanto sembrano finalmente orientarsi alla moderazione tensioni e rendimenti dei titoli di Stato dei paesi periferici dell'area euro, dopo che oggi Italia e Spagna sono entrambe riuscite ad effettuare nuove aste di bond, con livelli di domanda superiori all'offerta ma al prezzo di netti aumenti dei rendimenti dei titoli in assegnazione. A Milano nel pomeriggio il Ftse-Mib si attesta al più 1,39 per cento, mentre in precedenza era arrivato a segnare nuovamente ribassi e dopo aver sfiorato un più 2 per cento in mattinata. Un rimbalzo comunque parziale rispetto al tonfo del 3,80 per cento subito ieri. Madrid si attesta al più 1,53 per cento, Parigi segna un più 1,24 per cento, Francoforte più 0,52 per cento, Londra più 0,33 per cento. Intanto i rendimenti sui Btp a 10 anni già in circolazione si attenuano al 5,67 per cento, dopo un picco mattutino al 5,78 per cento, mentre il loro differenziale o "spread" rispetto ai tassi retributivi dei Bund della Germania, usati come riferimento per le emissioni dell'area euro cala a 3,96 punti percentuali, secondo Bloomberg, o 396 punti base. Lo spread Btp-Bund torna così al di sotto della soglia allarmistica dei 400 punti, mentre lo spread Spagna-Germania cala a 414 punti base. L'euro inj risalita si riposta sopra 1,32 dollari. Intanto Wall Street si orienta verso moderati recuperi dopo una partenza debole. Dal fronte macroeconomico sono giunti dati deludenti sul settore immobiliare, con pesanti cali delle compravendite, mentre il clima di fiducia dei consumatori si è indebolito in linea con le previsioni. Paradossalmente tuttavia questi sviluppi potrebbero sostenere i mercati, nella prospettiva che aumentino le possibilità di nuove misure espansive da parte della Federal Reserve. Domani il Fomc, il direttorio della Banca centrale Usa comunicherà le sue decisioni da cui non sono attese variazioni rispetto alla linea attuale. Più attesa sarà la conferenza stampa del presidente Ben Bernanke. Invece in mattinata in Europa il suo omologo dell'area euro, Mario Draghi, presidente della Bce, sarà al Parlamento europeo per una audizione. A tarda mattina l'indice Dow Jones si attesta a più 0,78 per cento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni