domenica 04 dicembre | 03:13
pubblicato il 30/dic/2013 15:45

Borsa: capitalizza a fine 2013 438 mld pari al 28% del Pil

Borsa: capitalizza a fine 2013 438 mld pari al 28% del Pil

(ASCA) - Roma, 30 dic - Piazza Affari chiude il 2013 con una capitalizzazione di 438,2 miliardi di euro, pari al 28% del Pil. Lo si legge in un comunicato di Borsa Italiana che riassume i numeri di quest'anno.

In particolare, gli scambi di azioni hanno raggiunto una media giornaliera di 2,2 miliardi di euro e 227.040 contratti. Complessivamente sono stati scambiati 56,8 milioni di contratti e un controvalore di 540,7 miliardi di euro. Il massimo giornaliero per controvalore scambiato e' stato raggiunto il 30 gennaio con 4,3 miliardi di euro e 409.685 contratti scambiati. Tra i titoli, Unicredit e' stata l'azione piu' scambiata sia per controvalore, con un totale di 95,2 miliardi di euro, sia in termini di contratti con 5,5 milioni di contratti. Al 27 dicembre il totale della raccolta e' pari a 2,3 miliardi di euro da parte di societa' gia' quotate o di nuova ammissione. 18 operazioni di aumento di capitale hanno raccolto 949 milioni di euro. Le 18 societa' che si sono quotate sui mercati di Borsa Italiana attraverso Initial Public Offering in fase di collocamento hanno raccolto 1,351 miliardi di euro. 7 le OPA nel 2013, per un controvalore di 1,3 miliardi di euro. Pr quanto riguarda gli indici, l'FTSE Italia All Share registra un aumento del +17,6% (max annuale 20.508 il 31 ottobre 2013; min 16.027 il 25 giugno 2013). L'indice FTSE MIB registra una crescita del +16,5% (max annuale 19.372 il 22 ottobre 2013; min 15.057 il 25 giugno 2013). Record di performance invece per l'indice FTSE Italia STAR che registra una crescita su base annua del 54,7% (max annuale 16.924: 27 dicembre 2013). Il nuovo indice FTSE AIM Italia, ha registrato quota 11.459 con una variazione positiva del 14,6% rispetto a fine anno 2012 (dati al 27 dicembre 2013). ''Il 2013 - ha commentato Raffaele Jerusalmi, Amministratore Delegato di Borsa Italiana - e' stato per Borsa Italiana un anno molto importante, caratterizzato dal lancio e dallo sviluppo di nuovi progetti e attivita'. La ripresa delle matricole con 20 ammissioni sui mercati azionari di Borsa Italiana, tra cui la piu' grande IPO dal 2000 per controvalore richiesto, Moncler, rappresenta un nuovo punto di partenza importante non solo per il mercato finanziario, ma per tutta l'economia italiana. L'utilizzo del mercato dei capitali per finanziare la crescita da parte delle aziende puo' rappresentare un motore di sviluppo importante per il nostro Paese. Sui mercati di Borsa Italiana, infatti, transitano capitali da tutto il mondo: Borsa Italiana e' una piazza finanziaria internazionale tra le piu' efficienti e competitive che attrae l'interesse di investitori provenienti da tutti continenti; ricordo che oltre il 90% della base azionaria del FTSE MIB e' composta da investitori internazionali. Borsa Italiana, inoltre, continua a impegnarsi per aiutare la crescita della cultura finanziaria anche tra le societa' non quotate come testimonia l'iniziativa ELITE che oggi raggruppa gia' 131 societa' non quotate''. com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari