sabato 03 dicembre | 10:47
pubblicato il 15/feb/2016 17:59

Borsa, banche e auto trainano il forte rialzo in Europa

Seconda giornata consecutiva con indici in recupero

Borsa, banche e auto trainano il forte rialzo in Europa

Roma, 15 feb. (askanews) - Il trend ribassista che ha colpito i mercati azionari si prende una pausa. Le borse europee chiudono in deciso rialzo la seconda seduta consecutiva grazie al traino delle banche e soprattutto del settore auto con notevoli rialzi in tutto il vecchio continente.

L'indice Eurostoxx al termine degli scambi mostra un rialzo di tre punti percentuali. Milano ancora una volta tra le migliori con il Ftse Mib che mette a segno un balzo del 3,19% dopo aver fatto segnare un +4,25% a metà seduta. Nell'ultima parte di contrattazioni le parole del presidente della Bce, Mario Draghi, hanno offerto un supporto ai mercati. L'Eurotower, ha ribadito Draghi, è pronta a varare nuovi interventi a marzo se le turbolenze dei mercati finanziari dovessero mettere a rischio i target della Bce.

Ma il numetro uno della banca centrale europea ha rassicurato anche sul fronte bancario sottolineando che il mondo del credito oggi in Europa mostra una maggiore capacità di resistenza agli shock esterni rispetto al recente passato.

Guardando i listini banche in deciso recupero in quasi tutti i mercati. Fa eccezione Francoforte dove sono scattate le prese di beneficio su Deutsche Bank e Commerz con finali di seduta in lieve flessione.

Notevole performance del settore auto. Fca sale di oltre il 4%, a Francoforte balzo di Volkswagen che mette a segno un +7,70%, rialzi di quasi il 4% per Daimler e Bmw. A Parigi il titolo Peugeot guadagna quasi l'8% e Renault il 7%.

Giornata positiva anche sul mercato dei titoli di Stato con acquisti che hanno riguardato quasi tutti i bond governativi dell'area euro anche se con movimenti contenuti. Il Btp a 10 anni ha visto scendere il rendimento all'1,58% per poi attestarsi in chiusura all'1,60%. Dopo un avvio caratterizzato da vendite sono tornati gli acquisti anche sul Bund tedesco che ha visto scendere il rendimento sotto lo 0,25%.

Perde terreno l'euro sul dollaro con il cross che si avvia verso la soglia di 1,11 euro mentre il petrolio consolida il recupero di venerdì scorso con il Brent stabilmente sopra i 33 dollari al barile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari