lunedì 05 dicembre | 13:30
pubblicato il 02/mag/2012 17:36

Borsa/ Banche affossano Milano (-2,6%), spread sale a 394 punti

Da Europa e Usa dati poco incoraggianti su salute economia reale

Borsa/ Banche affossano Milano (-2,6%), spread sale a 394 punti

Milano, 2 mag. (askanews) - Dopo la pausa festiva di ieri, Piazza Affari ha archiviato la seduta in pesante ribasso, mettendo assieme, assieme a Madrid, la peggior performance in Europa, affossata dai titoli bancari. L'indice principale Ftse Mib ha perso il 2,6% a 14.213 punti. Dall'eurozona e dagli Stati Uniti sono giunti oggi dati non incoraggianti sull'economia reale che hanno riportato tensioni anche sui titoli di Stato, con lo spread Btp-Bund che si è riavvicinato alla soglia dei 400 punti, chiudendo a 394 punti. Tra le blue chip maglia nera a Ubi Banca (7,13%), pesante anche Unicredit (-5,66%). Sul listino completo seduta sugli scudi per i titoli Juventus (+15,6%), in attesa della partita di stasera che potrebbe consacrarla campione d'Italia, e Rcs (+10%) sulle parole di Diego Della Valle che ha annunciato che ha intenzione "il prima possibile" di incrementare ulteriormente la propria quota.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari