domenica 04 dicembre | 22:06
pubblicato il 03/set/2014 18:32

Bonanni: Renzi decide da solo. Le sue riforme? Partorito topolino

"Il taglio delle tasse non c'e' stato, neanche lotta agli sprechi" (ASCA) - Roma, 3 set 2014 - Il premier Matteo Renzi "vuole decidere tutto da solo", mentre la promessa riduzione delle tasse "non c'e' e quella degli sprechi nemmeno", mentre "nell'ultimo semestre la spesa pubblica e' aumentata di 100 miliardi". E' il giudizio di Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl.

In un'intervista al settimanale Panorama, il leader sindacale attacca il presidente del consiglio e le sue riforme, in particolare lo Sblocca Italia. "Verrebbe da dire che la montagna ha partorito il topolino - dice - ma a guardare bene c'e' anche un topone: la possibilita' di allungare le concessioni autostradali. E' questione di grande rilievo economico, eppure non ne sa niente nessuno".

Bonanni stigmatizza poi il rapporto privilegiato che Renzi ha stretto con il leader della Fiom, Maurizio Ladini. "Abbiamo lottato per difendere l'accordo alla Fiat - afferma - e ora devo sentire che siamo conservatori, mentre Renzi sceglie come interlocutore privilegiato proprio il sindacato piu' conservatore, la Fiom di Maurizio Landini. No, quello del premier e' solo un giochino furbo e cinico".

Vis

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari