martedì 21 febbraio | 09:45
pubblicato il 21/ago/2014 11:21

Bonanni: basta tartassare gli statali, governo cambi strada

(ASCA) - Roma, 21 ago 2014 - "Il governo cambi strada sui dipendenti pubblici e accetti di discutere, altrimenti ci faremo sentire". A bocciare l'ipotesi di un prolungamento di altri due anni del blocco dei contratti e' il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, che chiede alla politica - in un'intervista al Messaggero - di concentrarsi invece su sprechi e inefficienze. "Spero che il governo non voglia proseguire su una strada sbagliata. Il blocco e' un fatto gravissimo: i dipendenti pubblici sono gli unici che hanno il reddito fermo da otto anni", aggiunge."Ormai il grosso del pubblico impiego e' fatto da persone che sono appena al di sopra dei 1000 euro al mese. E' una vicenda pericolosa non solo per gli interessati ma per tutta la pubblica amministrazione, che viene danneggiata: non c'e' piu' nessun progetto, non si affrontano - conclude - i problemi, come dimostra anche la vicenda del ricambio generazionale affrontata solo a colpi di slogan e di luoghi comuni". Mlp

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia