sabato 03 dicembre | 19:04
pubblicato il 19/gen/2013 12:22

Bollette: Adusbef e Federconsumatori, Authority complici degli oligopoli

Bollette: Adusbef e Federconsumatori, Authority complici degli oligopoli

(ASCA) - Roma, 19 gen - ''Le Autorita' indipendenti, istituite per legge con la finalita' di tutelare interessi di particolare rilevanza, quali i servizi diffusi di pubblica utilita', come il gas e l'energia, invece di salvaguardare anche i diritti e gli interessi dei consumatori e delle famiglie, si fanno influenzare da monopoli ed oligopoli, assecondando i loro esclusivi desiderata''. E' il duro attacco sferrato oggi dall'Adusbef e dalla Federconsumatori contro le Authority. ''Negli ultimi due anni - spiegano le due associazioni per la difesa di consumatori e utenti in un comunicato congiunto - il prezzo del metano sui mercati internazionali e' sceso del 20%, ma l'Autorita' per il Gas e l'Energia, invece di deliberare tali diminuzioni sulle bollette di 26 milioni di famiglie e quattro milioni di piccole e medie imprese, ha provveduto a continui salassi, con rincari pari al 23,7%, piu' di 4 volte l'inflazione, generando una perdita del potere di acquisto ad esclusivo vantaggio dei gestori. Tra costi occulti delle bollette del gas, incrementi, Iva, accise, addizionali ed altre varie voci, i consumatori, costretti a pagare perfino un'assicurazione aggiuntiva che ammonta ad 800 milioni di euro, per salvaguardare i contratti delle imprese,che continuano a tenere occultati i costi reali pagati all'ingrosso, subiscono un vero salasso''.

Adusbef e Federconsumatori hanno quindi sezionato una bolletta del gas che arriva ad una famiglia. ''Nella fattura bimestrale in esame le varie voci sono suddivise, in percentuale, nel modo seguente: i servizi di vendita costituiscono tutte le attivita' poste in essere dal fornitore per l'acquisto e la commercializzazione della materia prima. In questo caso formano il 39,6% della fattura.

Nell'ambito dei servizi di vendita, la quota energia (quella effettivamente legata al consumo e percio' variabile), ammonta solo al 37,4%. Il totale dei servizi di rete da' conto del prezzo di tutte le attivita' poste in essere dal fornitore per il trasporto e la distribuzione del gas, lo stoccaggio e la gestione del contatore domestico. Sono pagate non attraverso un prezzo di mercato, bensi' in base a tariffe stabilite dall'Autorita' Gas Energia) anche per i clienti del mercato libero. In questo caso, la componente della bolletta relativa ai servizi di rete ammonta al 22,8%. Nell'ambito di questa percentuale, la parte variabile (legata ai consumi) e' del 20,9% del totale della fattura. Le imposte (esclusa l' IVA del 21%), ammontano al 20,2% del totale della fattura.

Tra queste, le accise costituiscono il 17,1%, mentre le addizionali regionali il 3,1%. Considerando nel calcolo anche l' IVA, la percentuale delle imposte sul totale della fattura sale al 37,6%''.

''In conclusione - prosegue la nota -, nel caso in esame, la parte della fattura legata davvero al prezzo della materia prima consumata ammonta solo al 37,4% (il 39,6% volendo considerare nel calcolo anche la quota fissa dei servizi di vendita, legata al prezzo della materia prima, ma non alla quantita' effettivamente consumata dall' utente). Cio' implica che ben il 62,6% circa dell' importo della fattura in esame non e' costituito da voci legate al prezzo della materia prima consumata, bensi' a oneri di altro tipo (distribuzione, trasporto, assicurazioni, profitti ed oneri fiscali addossati sulla pelle dei consumatori). La bolletta esaminata, che ha subito un rincaro nel biennio del 23,7% pari a 44 euro nel 2011; 32 euro nel 2012, per un aggravio di 76 euro per ognuna delle famiglie ed oneri complessivi di 2,4 miliardi di euro, con un'Authority meno dipendente dagli interessi dei gestori, doveva diminuire di 23 euro nel 2011 e di 18 nel 2012, con un risparmio di 41 euro a famiglia''. Adusbef e Federconsumatori, per offrire sollievo a famiglie ''i cui redditi sono stati falcidiati da aumenti, rincari e ritocchini, di 2.200 euro nel 2012, di 1.500 nel 2013'', chiedono infine ''l'impegno dei partiti a congelare per un biennio tutti i rincari di prezzi e tariffe, per contribuire ad uscire dalla recessione dando impulso a ripresa economica con una maggiore capacita' di spesa dei consumatori''.

com-red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari