sabato 03 dicembre | 01:46
pubblicato il 08/feb/2016 17:39

Boccia presenta candidatura per presidenza Confindustria

C'è attesa per Regina, Bonometti e Storchi

Boccia presenta candidatura per presidenza Confindustria

Roma, 8 feb. (askanews) - Vincenzo Boccia, attuale responsabile del Comitato tecnico per il credito e la finanza di Confindustria, ha presentato ufficialmente ai saggi la candidatura per la guida dell'associazione degli industriali. La candidatura di Boccia era stata sollecitata, la scorsa settimana, dalla piccola industria di Confindustria.

Dopo quella di Alberto Vacchi, numero uno degli industriali bolognesi e presidente del gruppo Ima, la candidatura di Boccia è la seconda ufficializzata. C'è attesa, poi, per la candidatura di Aurelio Regina, già presidente Unindustria e di Confindustria Lazio. I rumors danno in pista anche Marco Bonometti, numero uno degli industriali bresciani, mentre resta in sospeso la decisione di Fabio Storchi, presidente di Federmeccanica, invitato dalla sua federazione a correre per la presidenza.

Le candidature dovranno essere presentate entro la mezzanotte del 15 febbraio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari