mercoledì 18 gennaio | 12:03
pubblicato il 16/giu/2015 17:50

BNP Paribas, focus fintech per il primo Hackathon internazionale

In contemporanea in 5 città. A Roma nella sede di Luiss Enlabs

BNP Paribas, focus fintech per il primo Hackathon internazionale

Roma, (askanews) - "L'innovazione è parte fondante della strategia del gruppo BNP nel mondo e di Bnl qui in Italia. BNP International Hackathon è la concretizzazione della nostra visione verso un futuro più creativo e innovativo. Cinque Paesi collegati, con 7 società del gruppo e 9 Start Up per innovare nel fintech".

Tempo di Hackathon, nella sintesi dello staff di comunicazione e marketing di Bnl, negli spazi dell'acceleratore di startup Luiss Enlabs, con lo svolgimento della tappa italiana del primo international hackathon del Gruppo BNP Paribas organizzata da Bnl.

La manifestazione si è tenuta contemporaneamente, e per la prima volta, in 5 città: Parigi, Bruxelles, Istanbul, San Francisco e Roma. Durante le 48 ore, oltre 70 startup in tutto il mondo si sono sfidate per raggiungere un unico obiettivo: il miglioramento della customer experience offerta dal Gruppo.

"Co-creazione", questo il motto del BNP Paribas International Hackathon, reale opportunità per numerosi talenti specializzati in diverse discipline di collaborare e create prototipi per app e servizi online.

Programmatori, sviluppatori, designer e startup hanno lavorato insieme su 4 temi comuni riguardanti la customer experience del cosiddetto fintech.

A Roma le startup vincitrici sono state RingPay, che ha ideato un metodo per risolvere il problema del mistery spending: tutti i soldi che si dovrebbero ricevere come resto cash durante gli acquisti finiscono all'interno di un salvadanaio virtuale BNL che incentiva il risparmio e l'utilizzo dei fondi così raccolti a scopi benefici. Poi Innaas, che invece ha progettato una dashboard di dati finanziari per aiutare le piccole e medie imprese a prendere decisioni più consapevoli.

Soluzioni da startup oggi, potenziali business vincenti domani grazie proprio al lavoro degli acceleratori, come conferma Luigi Capello, fondatore di Luiss Enlabs e ceo di LVenture group:

"Questa può essere una metodologia per la creazione di nuove start up dove noi o la banca possiamo andare a investire, con nuove possibilità di investimento, nuove opportunità di lavoro e la possiblità per i consumatori di un rapporto più fluido e simpatico con l'istituto di credito", ha detto Capello.

Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa