giovedì 19 gennaio | 13:59
pubblicato il 03/lug/2013 15:58

Bnl: 'The sea is my land', una mostra fotografica per il centenario

Bnl: 'The sea is my land', una mostra fotografica per il centenario

(ASCA) - Roma, 3 lugl - Una mostra fotografica per celebrare il centenario di Bnl. A cura di Francesco Bonami e di Emanuela Mazzonis al Maxxi di Roma, in cui il mare, e il bacino del Mediterraneo raccontano la storia passata e recente dei popoli le cui civilta' sono nate proprio attorno al quel mare, e dal quale si muovono le maree umane e sociali che invadono il mondo.

BNL Gruppo BNP Paribas ha infatti presentato oggi allo spazio D del MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, la mostra ''the sea is my land.'' Artisti dal Mediterraneo.

Ideata e realizzata da BNL, l'iniziativa - Bonami ed si inserisce tra le attivita' promosse dalla Banca in occasione del proprio centenario. L'esposizione riunisce opere, di fotografia e video, realizzate da 22 artisti, uno per ciascuno dei paesi bagnati dal Mar Mediterraneo. Ad essi si aggiunge Rori Palazzo, vincitrice con ''Dream#01/La mia casa'' del concorso online che BNL ha dedicato agli artisti under 40. ''the sea is my land'' sara' aperta gratuitamente al pubblico da giovedi' 4 luglio sino a domenica 29 settembre 2013, presso lo Spazio D del MAXXI di Roma. Su bnl.it e su pinterest.com/bnlbnpparibas - nuovo canale istituzionale aperto in occasione della mostra - sara' possibile visualizzare le opere, le immagini dell'inaugurazione e le foto degli artisti che vi hanno partecipato. Nel corso della presentazione della mostra, e' stata annunciata l'opera che, tra le oltre 140 in esposizione, e' stata selezionata da una giuria internazionale per entrare a far parte della collezione di BNL che, ad oggi, vanta circa 5.000 opere, tra cui spiccano capolavori dell'arte classica e moderna, nonche' creazioni di giovani talenti contemporanei.

L'opera vincitrice e' ''Two Palestinian Riders, Ben Shemen Forest'' (2011) dell'artista israeliano Dor Guez (Gerusalemme, 1980) scelta per la particolare rispondenza al tema della mostra. Inoltre l'opera ''Never Land'' (2008) dell'artista cipriota Christodoulos Panayiotou (Limassol, 1978) ha ricevuto una menzione speciale da parte della giuria. La giuria, che si e' riunita questa mattina, era composta, oltre che dal curatore Francesco Bonami e dall'amministratore delegato di BNL, Fabio Gallia, da Giovanna Bertazzoni, Head of the London Impressionist and Modern Art Department, Christie's; Daniel Birnbaum, Director Museum, Moderna Museet Stockholm; Cristiana Collu, Direttore del Mart, Museo Arte Contemporanea di Trento e Rovereto; Gregor Muir, Executive Director, Institute of Contemporary Arts, London. All'incontro di oggi sono intervenuti Luigi Abete e Fabio Gallia, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di BNL Gruppo BNP Paribas; Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI; i curatori Francesco Bonami ed Emanuela Mazzonis. Presenti, inoltre, i componenti della giuria internazionale e molti degli artisti partecipanti all'esposizione. Nell'opera ''Two Palestinian Riders, Ben Shemen Forest'' (2011), Dor Guez tocca la questione del conflitto attraverso un'unica immagine, un light box, che rimette in discussione il tema dell'identita' culturale, religiosa e politica in una dimensione collettiva. Dor Guez e' nato nel 1980 a Gerusalemme, vive e lavora a Jaffa. Dor Guez e' un artista multidisciplinare le cui installazioni combinano diverse modalita' di video e pratiche fotografiche. E' docente nel Dipartimento di Storia e Teoria presso la Bezalel Academy of Art di Gerusalemme, ricercatore universitario degli archivi affiliati con l'Universita' di Tel Aviv e fondatore del Christian Palestinian Archive. Il suo lavoro e' stato esposto alla dodicesima Biennale di Istanbul, il 17^ Festival Internazionale di Arte Contemporanea; Videobrasil di Sao Paulo, la 3^ Biennale Internazionale di Mosca, al Palais de Tokyo di Parigi; al Biennale di Benin, al Biennale di Bucarest; al Jewish Museum di New York; al KW Istituto per l'Arte Contemporanea di Berlino; al Tel Aviv Museum of Art; Artpace, Texas, e non solo. La sua prima mostra antologica e' stata svolta di recente al Rose Art Museum di Boston. Christodoulos Panayiotou presenta una sequenza di immagini legate al passato della sua terra natia per raccontare la turbolenta storia di Cipro. Nato nel 1978 a Limassol (Cipro), vive e lavora tra Limassol, Parigi e Berlino. Christodoulos Panayiotou, originariamente, ha studiato danza, teatro e antropologia. La sua opera e' formata da una gamma di supporti che incorporano scultura, fotografia, video e installazione.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina