domenica 26 febbraio | 00:02
pubblicato il 25/feb/2013 10:09

Bil.commerciale: Istat, a gennaio deficit extra-Ue dimezzato a 2,3 mld

(ASCA) - Roma, 25 feb - Deficit commerciale con i paesi extra-Ue piu' che dimezzato a gennaio. Dai dati diffusi dall'Istat emerge che lo scorso mese il saldo e' passato a -2,3 miliardi di euro dai -5,2 miliardi di gennaio 2012. Il risultato deriva da un ampio incremento delle esportazioni (+17,7%), a fronte di una diminuzione significativa delle importazioni (-5,6%). In calo il deficit energetico (da -6,1 miliardi nel 2012 a -5,2 miliardi nel 2013) mentre ''si e' notevolmente ampliato'' sottolinea l'Istat, il surplus nell'interscambio di prodotti non energetici (da 869 milioni nel 2012 a 2,9 miliardi nel 2013), spiegato per oltre il 90% dal forte avanzo commerciale nei beni strumentali. La crescita tendenziale delle esportazioni e' diffusa; soltanto l'energia presenta una diminuzione (-26,2%). La flessione delle importazioni e' particolarmente accentuata per i beni di consumo durevoli (-18,5%) e per l'energia (-16,3%). Rispetto a dicembre 2012, entrambi i flussi commerciali presentano un incremento, piu' marcato per le esportazioni (+3,9%) che per le importazioni (+3,0%). La crescita congiunturale delle esportazioni, prosegue l'Istat, interessa tutti i principali raggruppamenti di beni, a eccezione dell'energia (-25,9%). Particolarmente rilevante e' l'incremento dell'export di prodotti intermedi (+8,8%) e di beni di consumo (+7,5%).

Gli acquisti di prodotti intermedi (+5,4%) presentano una crescita congiunturale ampiamente superiore alla media, mentre i beni di consumo durevoli registrano una diminuzione (-4,7%). Nell'ultimo trimestre la dinamica congiunturale e' positiva per le esportazioni (+1,9%) e diffusa a tutti i comparti, con l'eccezione dell'energia (-5,7%). Nello stesso periodo, la marcata diminuzione dell'energia (-12,0%) spiega in ampia misura la flessione complessiva delle importazioni (-5,2%). I mercati piu' dinamici all'export sono ASEAN (+32,2%), OPEC (+26,1%), Giappone (+25,6%), Cina (+24,6%), EDA (+22,9%) e Stati Uniti (+20,2%).

In marcata flessione e' l'import da Giappone (-32,1%), OPEC (-19,6%) e Stati Uniti (-16,9%). In forte aumento sono, invece, le importazioni da Turchia (+25,9%), Russia (+23,6%) e Svizzera (+23,5%). fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech