domenica 11 dicembre | 09:10
pubblicato il 25/feb/2013 10:09

Bil.commerciale: Istat, a gennaio deficit extra-Ue dimezzato a 2,3 mld

(ASCA) - Roma, 25 feb - Deficit commerciale con i paesi extra-Ue piu' che dimezzato a gennaio. Dai dati diffusi dall'Istat emerge che lo scorso mese il saldo e' passato a -2,3 miliardi di euro dai -5,2 miliardi di gennaio 2012. Il risultato deriva da un ampio incremento delle esportazioni (+17,7%), a fronte di una diminuzione significativa delle importazioni (-5,6%). In calo il deficit energetico (da -6,1 miliardi nel 2012 a -5,2 miliardi nel 2013) mentre ''si e' notevolmente ampliato'' sottolinea l'Istat, il surplus nell'interscambio di prodotti non energetici (da 869 milioni nel 2012 a 2,9 miliardi nel 2013), spiegato per oltre il 90% dal forte avanzo commerciale nei beni strumentali. La crescita tendenziale delle esportazioni e' diffusa; soltanto l'energia presenta una diminuzione (-26,2%). La flessione delle importazioni e' particolarmente accentuata per i beni di consumo durevoli (-18,5%) e per l'energia (-16,3%). Rispetto a dicembre 2012, entrambi i flussi commerciali presentano un incremento, piu' marcato per le esportazioni (+3,9%) che per le importazioni (+3,0%). La crescita congiunturale delle esportazioni, prosegue l'Istat, interessa tutti i principali raggruppamenti di beni, a eccezione dell'energia (-25,9%). Particolarmente rilevante e' l'incremento dell'export di prodotti intermedi (+8,8%) e di beni di consumo (+7,5%).

Gli acquisti di prodotti intermedi (+5,4%) presentano una crescita congiunturale ampiamente superiore alla media, mentre i beni di consumo durevoli registrano una diminuzione (-4,7%). Nell'ultimo trimestre la dinamica congiunturale e' positiva per le esportazioni (+1,9%) e diffusa a tutti i comparti, con l'eccezione dell'energia (-5,7%). Nello stesso periodo, la marcata diminuzione dell'energia (-12,0%) spiega in ampia misura la flessione complessiva delle importazioni (-5,2%). I mercati piu' dinamici all'export sono ASEAN (+32,2%), OPEC (+26,1%), Giappone (+25,6%), Cina (+24,6%), EDA (+22,9%) e Stati Uniti (+20,2%).

In marcata flessione e' l'import da Giappone (-32,1%), OPEC (-19,6%) e Stati Uniti (-16,9%). In forte aumento sono, invece, le importazioni da Turchia (+25,9%), Russia (+23,6%) e Svizzera (+23,5%). fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina