lunedì 05 dicembre | 06:20
pubblicato il 10/mar/2014 13:42

Bertone: AD irreperibile, dipendenti in causa per stipendi non pagati

(ASCA) - Torino, 10 mar 2014 - Cresce la preoccupazione dei lavoratori del gruppo Bertone. Le societa' del polo del design, non solo automobilistico, rimaste in capo a Lilli Bertone, vedova del carrozziere Nuccio Bertone, dopo la cessione dello stabilimento di Grugliasco alla Fiat, sono infatti in liquidazione o in procedura concorsuale da diversi mesi, e l'amministratore delegato Marco Filippa si e' reso irreperibile.

Una scomparsa che sta creando notevoli disagi ai lavoratori, denuncia la Fiom: non sono stati consegnati i Cud nei termini di legge per cui i lavoratori non possono presentare la dichiarazione dei redditi; non sono stati consegnati i listini paga delle mensilita' non corrisposte (ottobre, novembre, dicembre e tredicesima) e a causa di questo i lavoratori non riescono a ottenere dalle banche l'anticipo della cassa integrazione straordinaria e di conseguenza molti di loro si trovano in condizioni drammatiche per mancanza di soldi; non vengono rendicontate le ore di cassa integrazione ordinaria e in deroga per cui l'Inps, pur essendo approvato la cassa, non procede al pagamento; non viene data alcuna informazione in merito alla situazione aziendale. Trenta dipendenti, appartenenti alla Bertone R&D, si sono rivolti all'ufficio vertenze della Fiom-Cgil per il recupero dei propri crediti (si tratta di alcune centinaia di migliaia di euro) e, visto che da parte aziendale non e' arrivata alcuna risposta, le pratiche sono ormai nella fase legale.

''E' incomprensibile e irresponsabile questo atteggiamento - commenta Marinella Baltera della Fiom -, non si capisce perche' si dichiara di avere trovato i finanziamenti per proseguire l'attivita' e acquisire le commesse di Bertone Stile per poi sparire. L'amministratore delegato si e' dimostrato una persona non seria ne' affidabile, non avendo piu' volte mantenuto la parola data. Non sappiamo - prosegue Baltera - se la proprieta', la signora Lilly Bertone, sia a conoscenza della situazione ma visto che ha piu' volte dichiarato di avere a cuore la situazione dei dipendenti le chiediamo di intervenire con urgenza per risolvere sia gli obblighi amministrativi sia per definire cosa ne sara' dei lavoratori Bertone R&D visto che si erano impegnati a chiedere il concordato se non avessero trovato i finanziatori per pagare gli arretrati. Concordato che doveva essere richiesto entro il 2013 e che ad oggi non e' stato presentato con l'aggravante che sono tutti irreperibili''. Bertone Stile (di proprieta' all'80% di Lilly Bertone e al 20% di una finanziaria) e' in liquidazione, nei mesi scorsi e' stato richiesto il concordato preventivo ''in bianco'' (inizialmente concesso per 60 giorni e prorogato, su richiesta dell'azienda, di altri 60 giorni, che scadranno a meta' aprile) e sono stati nominati dal tribunale di Torino sia il commissario, Filiberto Ferrari Loranzi che il consulente del lavoro. Per Bertone R&D (di proprieta' al 90% di Bertone 100 - che detiene il marchio Bertone -, al 5% di Marco Filippa e al 5% di altri soci) la situazione e' ancora piu' drammatica. L'azienda infatti ha fino a luglio 2014 in carico una sessantina di lavoratori ex Tedi (proprieta' al 100% di Marco Filippa) per cui e' stato richiesto il concordato in bianco. A quanto risulta le manifestazioni di interesse per il marchio Bertone sarebbero numerose, di queste, quattro o cinque sarebbero anche disponibili a farsi carico di una parte almeno dei dipendenti. Al momento pero' non c'e' ancora nulla di concreto.

eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari