sabato 03 dicembre | 06:29
pubblicato il 17/giu/2014 14:40

Benzinai: gestori confermano sciopero. Impianti chiusi dalle 19,30

Benzinai: gestori confermano sciopero. Impianti chiusi dalle 19,30

(ASCA) - Roma, 17 giu 2014 - Faib, Fegica e Figisc/Anisa confermano lo sciopero dei gestori dei distributori di benzina, che rimarranno chiusi dalle 19,30 di questa sera fino alle 7 di giovedi' prossimo.

''Le Organizzazioni di categoria - si legge in una nota - ribadiscono le motivazioni della protesta: garantire ai gestori condizioni eque e non discriminatorie per competere nel mercato, ossia prezzi piu' bassi e competitivi, al medesimo livello di quelli che le stesse compagnie riservano alle pompe bianche ed alla grande distribuzione, anche a beneficio degli automobilisti che da loro si riforniscono quotidianamente; ristrutturazione ed ammodernamento della rete di vendita, contro ogni disegno di 'ghostizzazione' degli impianti e di espulsione del gestore; ripresa di una contrattazione collettiva che rompa con i troppi anni in cui le compagnie hanno letteralmente aggredito economicamente e giuridicamente i gestori''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari