martedì 21 febbraio | 20:02
pubblicato il 18/giu/2014 18:04

Benzinai: De Vincenti, gestori e compagnie riprendano il dialogo

Benzinai: De Vincenti, gestori e compagnie riprendano il dialogo

(ASCA) - Roma, 18 giu 2014 - Il governo non e' insensibile alle ragioni che hanno portato allo sciopero dei benzinai in corso oggi e auspica che riprenda il dialogo tra i gestori e le compagnie. Lo ha detto il viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, intervenendo all'assemblea annuale dell'Unione petrolifera.

''Lo sciopero - ha detto - segnala un disagio della categoria di cui dobbiamo prendere atto e cui non possiamo essere insensibili''. Secondo De Vincenti ''dobbiamo ragionare bene su come la concorrenza va funzionando, anche quella di prezzo''. Il governo, ha aggiunto, ''invita a riprendere il dialogo con i gestori nella consapevolezza che cambiera' la dinamica negoziale. Il governo non puo' essere indifferente per lo stato di sofferenza della categoria ma credo che nessuno possa essere indifferente e quindi invito a riprendere il dialogo con il sindacato dei gestori''.

fgl/alf/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia