lunedì 05 dicembre | 02:20
pubblicato il 10/ago/2011 16:34

Benzina/ Romani: Abbassare prezzi, condizioni ci sono

"In momenti di crisi serve responsabilità, nessuno speculi"

Benzina/ Romani: Abbassare prezzi, condizioni ci sono

Roma, 10 ago. (askanews) - E' necessario ridurre i prezzi della benzina, le condizioni ci sono ed è "inaccetabile" non farlo subito. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, sottolineando che "con riferimento alla riduzione delle quotazioni internazionali del petrolio sia in dollari che in euro, che stanno determinando analoghe riduzioni nelle quotazioni internazionali dei prodotti raffinati, appare inaccettabile che non si determini immediatamente una corrispondente riduzione dei prezzi alla pompa per la benzina ed il gasolio". In particolare, ha aggiunto, "in una congiuntura economica quale quella attuale, a nessuno può essere consentito di speculare e neanche solo di apparire che voglia approfittare". "E' necessario - ha sottolineato - un ulteriore ed immediato sforzo da parte di tutta la filiera, prime fra tutte le compagnie, a cui è richiesto di recepire ed adeguare con la massima tempestività le variazioni monitorate sui mercati a monte della filiera, onorando l'impegno più volte preso in tal senso, così come ha fatto il governo avviando nella recente manovra un primo intervento di riforma della rete di distribuzione dei carburanti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari