domenica 19 febbraio | 20:08
pubblicato il 23/mag/2013 12:00

Benzina/ Prevale stabilità prezzi, solo qualche ritocco al rialzo

Punte fino a 1,859 per la verde, 1,742 per diesel e 0,789 per Gpl

Benzina/ Prevale stabilità prezzi, solo qualche ritocco al rialzo

Roma, 23 mag. (askanews) - Sui prezzi raccomandati è tornata a dominare la stabilità. A livello territoriale i prezzi praticati alla pompa hanno visto solo qualche ritocco al rialzo per effetto dei movimenti dei giorni scorsi, in particolare per chi ha rivisto di recente i listini. In leggera flessione le no-logo, tendenzialmente più veloci a rispondere al mercato. Medie nazionali della benzina e del diesel rispettivamente a 1,817 e 1,717 euro/litro (Gpl a 0,767). Le "punte" sono fino a 1,859 per la "verde", 1,742 per il diesel e 0,789 per il Gpl. La situazione più nel dettaglio a livello Paese (sempre in modalità "servito"), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall'1,795 euro/litro di Eni all'1,817 di Q8 (no-logo a 1,698). Per il diesel si passa dall'1,694 euro/litro sempre di Eni all'1,717 ancora di Q8 (no-logo a 1,575). Il gpl infine è tra 0,734 euro/litro di Eni e 0,767 di Tamoil (no-logo a 0,727).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia