venerdì 24 febbraio | 01:17
pubblicato il 07/mar/2013 17:58

Bce: taglia stime Pil Eurozona. Draghi, mercati non temono Italia

Bce: taglia stime Pil Eurozona. Draghi, mercati non temono Italia

(ASCA) - Roma, 7 mar - La Bce, come ampiamente scontato, ha lasciato il costo del denaro allo 0,75%, il minimo storico.

Nel corso della consueta conferenza stampa, il presidente dell'Eurotower, Mario Draghi, ha confermato la debole congiuntura dell'economia dell'Eurozona. La fase attuale e' caratterizzata da ''nuovi segnali di stabilizzazione'', ma l'anno in corso prefigura due differenti scenari. Prima parte difficile con ulteriore indebolimento della dinamica ciclica, poi ''graduale ripresa dell'attivita' economica nella seconda parte dell'anno''. Una situazione che ha indotto lo staff delle Bce a tagliare le previsioni sul Pil dell'Eurozona del 2013 da -0,3% a -0,5%, limatura anche per il 2014 che passa da +1,2% a +1,0%. Ma il numero uno dell'Eurotower ha assicurato che la politica monetaria ''restera' accomodante'' pronta a sostenere l'economia. Una posizione favorita anche dallo scenario inflazionistico: 1,6% quest'anno, +1,4% il prossimo.

In entrambi i casi ben al di sotto del limite del 2% che corrisponde alla definizione di stabilita' dei prezzi nel medio termine. Di fronte a previsioni cosi' benigne sull'andamento dei prezzi al consumo e' arrivata la domanda su un eventuale nuovo taglio al costo del denaro.

''Come sapete non prendiamo impegni sul futuro, oggi comunque ne abbiamo discusso'' ma alla fine ''il consenso prevalente e' stato di lasciare i tassi di interessi fermi'', ha spiegato Draghi.

Non potevano mancare quesiti sulle implicazioni del risultato delle elezioni politiche in Italia. I mercati ''sanno che viviamo in sistemi democratici'' e sul risultato delle elezioni politiche italiane ''sono meno impressionati rispetto ai media ed ai politici''. Nessuna particolare preoccupazione sul risanamento dei conti pubblici tricolori e sugli aggiustamenti strutturali indotti dalla riforme fin qui approvate: ''continuano come se fosse stato inserito una sorta di pilota automatico'', ha spiegato il presidente della Bce.

Poi gli altri temi caldi ed i ''gossip'' del momento. Sui primi, quale il programma di aiuti finanziari a Cipro, almeno 17 miliardi di euro, Draghi ha ricordato che parliamo ''di un'economia piccola mentre non lo potrebbe essere il suo rischio sistemico'' nei confronti dell'Eurozona. Il negoziato tra Ue-Fmi e Nicosia riguarda anche l'adozione da parte di Cipro di norme anti-riciclaggio.

''Questo non e' competenza della Bce, ma e' comunque importante che Cipro adotti una legislazione che contrasti il riclaggio di denaro'', ha sottolineato il numero uno dell'Eurotower. Lapidario sui tassi di cambio, ''non sono un obiettivo di politica monetaria''.

Poi la smentita del ''gossip'' sulla presunta intenzione di Francoforte di lasciare la Troika, che comprende anche la Commissione Ue e il Fondo Monetario Internazionale.

''La Troika funziona bene e la Bce ci aggiunge valore.

Ogni due settimane esce fuori una nuova angoscia, prima di scrivere contattateci'' ha chiosato, con ironia, SuperMario.

men/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech