domenica 04 dicembre | 03:28
pubblicato il 10/mar/2016 10:49

Bce sotto i riflettori eventuali decisioni su tassi depositi e Qe

Istituzione sotto pressione con inflazione negativa

Bce sotto i riflettori eventuali decisioni su tassi depositi e Qe

Roma, 10 mar. (askanews) - Euro in lieve calo, sotto quota 1,10 dollari mentre l'attenzione dei mercati mondiali oggi è tutta focalizzata sulla Bce. Da stamattina è in corso il Consiglio direttivo e alle 13 e 45 verranno comunicate le decisioni sui tassi di interesse. Secondo molti analisti l'istituzione monetaria potrebbe abbassare ulteriormente il tasso sui depositi che custodisce per conto delle banche, che si trova già a livelli negativi con il meno 0,30 per cento in modo da incentivarle a impegnare queste risorse nell'economia reale.

L'istituzione ha il mandato di garantire la "stabilità dei prezzi", che tradotto in germini concreti significa favorire una inflazione stabilmente poco sotto il 2 per cento annuo nell'area euro. Da mesi invece fluttua a ridosso di zero e a febbraio è perfino ricaduta a livelli negativi, complici i crolli di petrolio ed energia. E a fronte di una crescita economica che mostra segnali di incertezza la Bce ha preannunciato che al direttorio di oggi avrebbe riesaminato ed eventualmente potenziato i suoi stimoli all'economia, che puntano a favorire una risalita dell0'infalzione a livelli accettabili.

La Bce potrebbe anche decidere di rafforzare o prolungare il suo piano di acquisti di titoli, che attualmente procede al ritmo di 60 miliardi di euro al mese, oppure di prolungarlo, o far leva su entrambi i parametri o ancora preannunciare che li rivedrà a breve. Su questo aspetto, forse meno scontato di un ritocchino sui tassi, eventuali annunci dovrebbero arrivare con la conferenza stampa esplicatica del presidente Mario Draghi, alle 14 e 30. Sarà in ogni caso un tagliando al termine del primo anno pieno del quantitative easing targato Bce, che è iniziato nel marzo del 2015.

Ma anche l'ipotesi di un ulteriore abbassamento dei tassi sui depositi non è pacifica, in particolare con preoccupazioni espresse da più gruppi bancari sulle pressioni che implica per la redditività. Per questo è stata anche ventilata l'idea di inserire un carattere di progressività di questo costo a seconda dell'ammontare depositato dalle singole banche, anche mancano chiari segnali in tal senso da parte di esponenti del direttorio. Intanto l'euro segna alcune limature a 1,0965 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari