martedì 21 febbraio | 11:50
pubblicato il 03/feb/2011 05:13

Bce/ Inflazione preoccupa, ma oggi tassi probabilmente fermi

Prezzi a massimi da ottobre 2008, ma dinamica di fondo contenuta

Bce/ Inflazione preoccupa, ma oggi tassi probabilmente fermi

Francoforte, 3 feb. (askanews) - Il persistere per il secondo mese consecutivo di una dinamica dei prezzi della zona euro superiore al 2% preoccupa la Banca Centrale Europea ma non dovrebbe indurre l'istituto di Francoforte a modificare la propria politica monetaria toccando i tassi d'interesse, attualmente al minimo storico dell'1%. E' questo l'orientamento prevalente tra gli analisti a poche ore dalla riunione del Consiglio direttivo della Bce e della successiva conferenza stampa con la quale il presidente dell'istituto, Jean-Claude Trichet, illustrerà le decisioni assunte. Un appuntamento atteso con interesse dal mercato, dal momento che, dopo il +2,2% di dicembre, a gennaio il rialzo dei prezzi in Eurolandia ha toccato il 2,4% - al livello più alto dall'ottobre 2008 - a causa dell'accelerazione dei prezzi delle materie prime e dei prodotti alimentari. Già alla conclusione della prima riunione dell'anno il mese scorso, Trichet aveva lasciato capire che non avrebbe lasciato la situazione sfuggirgli di mano, alludendo implicitamente alla possibilità che un rialzo dei tassi possa arrivare prima del previsto. Da allora la Bce ha ancora "indurito i toni", sottolinea Carsten Brzeski della banca Ing, secondo il quale i suoi membri da qualche giorno "cercano di screditare la nozione d'inflazione sottostante", che non tiene conto proprio dei prezzi energetici e alimentari, spesso volatili. D'altronde, secondo l'opinione prevalente tra gli economisti, per ora è inappropriato preoccuparsi dell'inflazione di fondo la cui dinamica resta per ora contenuta. Nessun economista si spinge dunque per ora a ipotizzare un rialzo imminente dei tassi, fermo al suo minimo storico dell'1% dal maggio 2009, anche a causa di una ripresa economica che resta fragile in molti Paesi della zona euro e di un tasso di disoccupazione che resta elevato, con il 10% della forza lavoro di Eurolandia che a dicembre risultava disoccupato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia