martedì 28 febbraio | 04:58
pubblicato il 17/dic/2015 10:13

Bce: in Italia impatto persistente su occupazione, rimasta ferma

In controtendenza rispetto all'area euro

Bce: in Italia impatto persistente su occupazione, rimasta ferma

Roma, 17 dic. (askanews) - Lavoro fermo in Italia, afferma la Bce, dove "la crisi ha esercitato un impatto avverso ben più persistente sull'occupazione, che è rimasta pressoché invariata, in controtendenza rispetto all'area euro e alle sue economie più piccole". Nel suo bollettino economico, l'istituzione monetaria inserisce uno studio, che era stato anticipato lo scorso 14 dicembre, dal quale inoltre emerge che più di recente l'Italia è il Paese dove si è creata meno occupazione negli ultimi due anni tra le quattro maggiori economie di Eurolandia.

Si contano 127 mila occupati netti tra il secondo trimestre del 2013 e il secondo trimestre del 2015, solo il 5,9 per cento del totale dell'area valutaria secondo uno studio della Banca centrale europea, basato su dati Eurostat. Il valore più elevato è costituito dai 724 mila posti creati in Spagna, ben il 33,5 per cento del totale di nuova occupazione creata, anche se con una netta prevalenza di posizione precarie. Segue la Germania con 592 mila posti, pari al 27,4 per cento e la Francia con 190 mila posti, l'8,8 per cento. Complessivamente, nell'area nel periodo in esame sono stati creati 2 milioni 158 occupati netti.

Se si guarda la situazione poi rispetto al 2008 "l'occupazione - dice la Bce - ha seguito profili distinti nelle quattro principali economie dell'area dallo scoppio della crisi. Se in Germania il numero di occupati è salito quasi ininterrottamente dall'inizio della recessione nel 2008, la Spagna ha registrato continue diminuzioni dei posti di lavoro fino al recente punto di svolta. Di conseguenza, la Germania mostra adesso un'occupazione superiore del 5 per cento ai livelli pre-crisi (seconda solo a Lussemburgo e Malta), mentre il dato per la Spagna resta inferiore del 15 per cento al picco toccato prima della crisi, nonostante la forte ripresa osservata di recente".

"In Francia il numero di occupati si è portato lievemente al di sopra dei valori pre-crisi, sostenuto in ampia misura dal considerevole aumento dei dipendenti pubblici. Quanto all'Italia - osserva la Bce - la crisi ha esercitato un impatto avverso ben più persistente sull'occupazione complessiva, che è rimasta pressoché invariata, in controtendenza rispetto all'insieme dell'area dell'euro e alle sue economie più piccole".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech