sabato 03 dicembre | 03:42
pubblicato il 30/ago/2016 15:59

Bce, Il silenzio di Draghi, domani i dati su inflazione eurozona

Dati inflazione Spagna e Germania non fanno presagire ripresa prezzi

Bce, Il silenzio di Draghi, domani i dati su inflazione eurozona

Roma, 30 ago. (askanews) - La Banca Centrale Europea modificherà, nella prossima riunione del comitato direttivo dell'8 settembre, la sua politica monetaria? Nel silenzio del presidente Mario Draghi, che da cinque settimane non ha svolto interventi pubblici disertando anche il simposio di Jackson Hole, l'attenzione di mercati si concentra sui dati sull'inflazione dell'Eurozona, 'bussola' per la politica dell'istituzione di Francoforte. In primo piano anche Bce, gli effetti, in parte già emersi, del referendum sull'uscita del Regno Unito dalla Ue.

A parlare, dunque, saranno le cifre. Nell'ultima riunione del 21 luglio del consiglio direttivo Bce, Draghi aveva infatti anticipato che viste "le prevalenti incertezze" sulle prospettive economiche dell'area euro la Bce avrebbe monitorato "molto da vicino gli sviluppi" futuri. Verificando, in particolare, l'effettivo passaggio all'economia reale delle misure monetarie decise" e riesaminando la situazione si "anche con le nuove informazioni, tra cui le stime aggiornate dei tecnici Bce" su crescita e inflazione. Proprio sull'inflazione saranno puntati domani i riflettori, con la pubblicazione delle stime flash della Commissione sull'inflazione nell'Eurozona nel mese di agosto. Un dato che dovrà tener conto di due dati 'pesanti', usciti nella giornata odierna, come l'inflazione al consumo tedesca, stabile nel mese al +0,4%, e quella spagnola, in calo dello 0,3% su anno dal -0,7% registrato a luglio. Gli economisti sondati da Bloomberg prevedono che l'inflazione ad agosto nell'Eurozona sia cresciuta dello 0,3% mensile rispetto al +0,2% di luglio.

Il menu sul tavolo della prossima riunione Bce include, innanzitutto, una possibile estensione del programma di Quantitative Easing (QE) oltre la scadenza stabilita del marzo 2017. Al riguardo gli economisti di Ubs, in un'analisi appena pubblicata, stimano che, dati gli ultimi indicatori provenienti dall'Eurozona, contrastati ma in un certo senso più "resistenti" di quanto temuto dopo il voto Brexit, l'istituto guidato da Draghi potrebbe fino alla riunione del consiglio direttivo dell8 dicembre prima di prendere una decisione in tal senso.

Quanto alle attese nuove previsioni Macro della Bce, va ricordato che in giugno la prospettiva di crescita per l'Eurozona era stata collocata all'1.6% per quest'anno e all'1,7% per il biennio successivo. Ubs, proprio alla luce del referendum Brexit prevede una revisione al ribasso all'1,5% quest'anno e all'1,3-1,4% per il 2017. Anche la previsione d'nflazione, ora collocata all'1,3% per il 2017 e all'1,6% per il 2018, potrebbe essere ritoccata al ribasso.

Ma i mercati scommettono che prima del prolungamento del programma la Bce dovrà modificare i parametri del programma di acquisti per scongiurare un prosciugamento degli asset acquistabili, dato il programma attuale, che prevede acquisti per 80 miliardi di euro al mese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari