venerdì 09 dicembre | 07:13
pubblicato il 09/gen/2013 16:28

Bce: economisti, stabilizzazione mercati allontana taglio tassi (punto)

Bce: economisti, stabilizzazione mercati allontana taglio tassi (punto)

(ASCA) - Roma, 9 gen - Domani prima riunione del Governing Council della Bce e, a seguire, consueta conferenza stampa del presidente dell'Eurotower, Mario Draghi. Gli economisti non si attendono novita' sul fronte del costo del denaro che dovrebbe restare inchiodato allo 0,75%, il minimo storico.

Un cambiamento di scenario rispetto a quanto si prevedeva dopo la riunione della Bce del mese di dicembre, quando i tagli alla previsioni medie di crescita economica del Pil dell'Eurozona (-0,5% nel 2012 e 2013) e la discussione, nel Consiglio dei Governatori su un eventuale sforbiciata ai tassi di interesse, avevano portato il mercato a prevedere una nuova riduzione del costo del denaro gia' dal mese di gennaio.

La riunione di domani si avvia ad essere ''senza particolari decisioni'', spiega Marco Valli, economista di Unicredit, ''dovrebbe rimanere invariata sia la politica monetaria convenzionale che quella non standard, sebbene il linguaggio di Dragi rimarra' nel solco di una politica monetaria espansiva''.

Rispetto agli inizi di dicembre, si nota una minore segmentazione dei mercati finanziari dell'Eurozona, ben registrata dal calo dei differenziali di interesse sul debito pubblico tra il paese leader dell'Eurozona, la Germania, ed i paesi periferici. Si stanno anche riducendo le asimmetrie nella trasmissione degli impulsi di politica monetaria tanto che i tassi di interesse sui prestiti ad imprese e famiglie sono scesi a nuovi minimi.

''Pensiamo che la Bce lascera' i tassi fermi adottando una approccio di attesa e monitoraggio degli sviluppi economici e finanziari, lasciando aperta la porta a nuove misure di stimolo monetario nel caso fosse necessario'', spiegano Giuseppe Maraffino e Laurent Fransolet, economisti di Barclays.

Dal lato degli indicatori anticipatori del ciclo, va poi segnalato che, sempre a dicembre, e' proseguita la risalita dai minimi dell'indice E-coin, che anticipa l'andamento del Pil, e dell'indice Composito Pmi che misura il livello di attivita' economica del settore manifatturiero e di quello dei servizi.

L'unica novita', peraltro gia' annunciata, sara' la presentazione della nuova banconota da 5 euro in circolazione dal prossimo maggio. La nuova serie si ispira alla mitologia greca e raffigura la dea Europa ripresa dai vasi esposti al museo del Louvre. Nel bene e nel male, la Grecia, almeno della rappresentazione storica, resta l'ombellico dell'Eurozona.

men/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni