sabato 10 dicembre | 21:50
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Bce/ Draghi:In Italia migliora costo lavoro; export +21% da 2009

Si stanno chiaramente correggendo squilibri paesi periferici

Roma, 17 dic. (askanews) - Tra il 2009 e oggi le esportazioni di beni e servizi dell'Italia sono cresciute del 21 per cento, e oggi sta migliorando il costo del lavoro. Lo ha rilevato il presidente della Bce Mario Draghi citando questo sviluppo tra gli esempi di segnali incoraggianti che si vedono anche sulle economie periferiche dell'area euro, tra le quali però non ha citato la Grecia. "E' incoraggiante constatare che ora la correzione (di squilibri) è chiaramente i corso", ha detto Draghi in un audizione al Parlamento europeo". "Per esempio le esportazioni di beni e servizi in Spagna sono aumentate del 27 per cento dal 2009, del 14 per cento in Irlanda, del 22 per cento in Portogallo e del 21 per cento in Italia. Questi quattro paesi stanno anche assistendo a miglioramenti dei costi unitari del lavoro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina