mercoledì 22 febbraio | 03:19
pubblicato il 09/giu/2016 09:16

Bce, Draghi: "Rinviare le riforme costa semplicemente troppo"

Possono esserci motivazioni politiche ma non economiche

Bce, Draghi: "Rinviare le riforme costa semplicemente troppo"

Roma, 9 giu. (askanews) - Possono esserci tante motivazioni politiche comprensibili per rinviare le riforme strutturali, ma ne esistono "pochissime" sul versante economico, ha avvertito il presidente della Bce Mario Draghi. "Il costo del rinvio - ha detto - è semplicemente troppo alto".

E questo vale innanzitutto per quelle riforme, su cui tutti concordano, di rafforzamento dell'Unione europea e della governance dell'area euro, ha spiegato nel tradizionale intervento in memoria dell'economista italiano Tommaso Padoa-Schioppa al Forum economico di Bruxelles.

Riforme che "rimuoverebbero l'incertezza" sul futuro di lungo termine dell'Unione e in questo modo favorirebbero "una spinta" a prosperità e stabilità. "Da questa cornice - ha concluso Draghi - possono solo sottolineare quali sarebbero i costi di rinviare queste riforme".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia