giovedì 08 dicembre | 17:46
pubblicato il 04/mar/2015 17:52

Bce, domani direttorio a Cipro,sul tavolo avvio Qe e caso Grecia

Dati in chiaroscuro.Inflazione resta negativa ma consumi salgono

Bce, domani direttorio a Cipro,sul tavolo avvio Qe e caso Grecia

Roma, 4 mar. (askanews) - Rendez vous a Cipro per i banchieri centrali di Eurolandia, alla cena che tradizionalmente precede il Consiglio direttivo. Diversi indicatori hanno confermano la necessità del piano di acquisti di titoli di Stato che il presidente Mario Draghi è riuscito a far approvare a inizio anno. Permangono forti spinte deflazionistiche, esacerbate dalle recenti cadute dei prezzi del petrolio. E intanto il bilancio dell'istituzione non si smuove dai poco più di 2 mila miliardi a cui è fermo da mesi, anzi ha appena segnato un lieve assottigliamento. Altri indicatori però appaiono più positivi, come i consumi delle famiglie e l'attività delle imprese.

Nel frattempo all'esame dei banchieri centrali - che si ritroveranno a Nicosia, per una delle due riunioni del Consiglio che ogni anno si effettuano in trasferta, invece che nella sede istituzionale di Francoforte - ci sarà anche la questione della Grecia. E il problema dei rifinanziamenti al suo sistema bancario, mentre Atene è riuscita a ottenere qualche settimana di respiro con un accordo per la proroga di quattro mesi al piano di aiuti europeo. Attualmente le banche elleniche possono contare sul canale di finaziamento di emergenza "Ela" fino ad un massimo di circa 68 miliardi di euro.

In generale, l'obiettivo ufficiale della politica monetaria comune è quello di tenere la crescita annua dei prezzi al consumo inferiore ma vicina al 2 per cento. Questo valore, secondo la Bce, rappresenta la definizione di "stabilità dei prezzi". Invece da tre mesi a questa parte l'inflazione di Eurolandia si attesta a valori negativi. A febbraio la flessione dei prezzi ha segnato una limatura più netta del previsto, al meno 0,3 per cento dal meno 0,6 per cento di gennaio, ma intanto i dati sui prezzi alla produzione hanno confermato i rischi di altri scivolamenti. A gennaio sono diminuiti dello 0,9 per cento dal mese precedente e del 3,6 per cento su base annua.

Per contrastare i crescenti rischi di deflazione - un fenomeno che viene definito con un marcato e protratto calo generalizzato dei prezzi, che intacca anche le attese del pubblico spingendo a procastinare gli acquisti, e in questo modo si autoalimenta - lo scorso gennaio la Bce ha deciso di rompere gli indugi e varare un "quantitative easing". Ossia un massiccio piano di acquisti come quelli effettuati negli anni passati dalle banche centrali di Usa, Gb e Giappone, volto a rafforzare tutti gli aggregati di domanda, che indirettamente si tradurrà (o dovrebbe tradursi) in un maggiore afflusso di liquidità nell'economia reale.

Francoforte ha promesso di comprare fino a 60 miliardi di euro in titoli al mese, da qui a settembre 2016 per un ammontare complessivo che quindi dovrebbe superare la fatidica soglia dei 1.000 miliardi. L'intervento farà prevalentemente leva sul gigantesco mercato delle obbligazioni pubbliche, dato che i programmi di acquisti già in atto, su alcuni titoli bancari (Abs e covered bond) non sono riusciti a dare gli effetti sperati. L'obiettivo è di far salire il bilancio di circa 1.000 miliardi di euro rispetto ai livelli attuali, per riportarlo ai picchi del 2012. Invece gli ultimi dati settimanali hanno segnalato un assottigliamento di 11 miliardi, a quota 2.155 miliardi.

Il Direttorio dovrà regolare diversi aspetti tecnici dei titoli acquistabili e delle modalità operative del piano. E oltre alla questione della Grecia potrà esaminare anche le previsioni aggiornate dei tecnici della Bce su crescita economica e inflazione. Intanto non mancano alcuni segnali positivi dall'economia. Con un più 1,1 per cento mensile a gennaio le vendite del commercio al dettaglio hanno segnato il quarto incremento mensile consecutivo. E intanto le indagini sull'attività delle imprese hanno confermato la dinamica di recupero.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni