domenica 11 dicembre | 13:40
pubblicato il 11/lug/2014 10:49

Bcc: modello da difendere e tutelare

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - ''Dove sono stati i soldi che ho depositato nella mia banca? Sono andati a finanziare l'economia reale, le famiglie e le imprese - gli artigiani, i commercianti, gli agricoltori - del mio territorio? Hanno pagato tutte le tasse in Italia? Hanno contribuito a rendere meno dura la crisi? Hanno anche contribuito a sostenere le iniziative della societa' civile?''. Sono alcune delle domande che il Comitato Esecutivo di Federcasse (la Federazione Italiana Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali), riunito ieri a Roma, ha deciso di rivolgere agli italiani dopo aver definito inaccettabili molti passaggi delle dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi da un banchiere italiano ad un giornale veneto. ''E se non ci fossero le BCC, come sarebbe il profilo dell'economia reale italiana?'' Il Comitato Esecutivo di Federcasse chiede di riflettere, considerando negativamente per il sistema Paese una malcelata tendenza a semplificare e schiacciare ogni diversita' bancaria. C'e' spazio per tutte le forme d'impresa: quella volta alla massimizzazione del profitto e quella che ha per obiettivo la massimizzazione della mutualita'. com-ram ---- Un altro elemento di straordinaria modernita' viene evidenziato dal Comitato Federcasse. ''Come non comprendere che gli investimenti in innovazione - non solo tecnologica, ma anche culturale e imprenditoriale - sono possibili anche per le piccole imprese se lo fanno insieme, se si consorziano in rete, in un network efficiente? E quindi anche per piccole banche di comunita' riunite in rete e' possibile effettuare investimenti cospicui: le centinaia di BCC italiane si sono date strutture bancarie di secondo livello (il Gruppo Bancario Iccrea, la Cassa Centrale di Trento-Nord Est, la Cassa Centrale di Bolzano) e consorzi di servizi tecnologici di secondo livello che costituiscono una piattaforma costante di innovazione al servizio delle singole BCC in un'ottica di sussidiarieta'. Le BCC da ormai dieci anni, proprio grazie alla rete, si sono date - le sole in Italia - anche un Fondo per garantire gli obbligazionisti entro il limite massimo di 100 mila euro, garanzia aggiuntiva a quella per i depositi. Il Comitato Esecutivo di Federcasse ha ricordato il peso e il volume che centinaia di BCC, Casse Rurali e Casse Raiffeisen hanno in Italia, dove rappresentano la terza realta' bancaria. Con oltre 4.400 sportelli e 1 milione e 200 mila soci, hanno quote di mercato rilevanti. In particolare, gli impieghi erogati dalle BCC italiane rappresentano il 22,5% del totale dei crediti alle imprese artigiane, il 18% dei crediti all'agricoltura, l'8,7% alle famiglie, il 17,7% alle piccole imprese, il 13% del totale dei crediti alle Istituzioni senza scopo di lucro (Terzo Settore). com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina