domenica 11 dicembre | 13:32
pubblicato il 09/giu/2014 13:20

Bcc: comitato esecutivo EACB a Roma il prossimo 20 giugno

Bcc: comitato esecutivo EACB a Roma il prossimo 20 giugno

(ASCA) - Roma, 9 giu 2014 - A pochi giorni dall'avvio della Presidenza Italiana dell'Unione, focus sulla specificita' e ''biodiversita''' della cooperazione di credito europea. Si terra' infatti a Roma, venerdi' 20 giugno (Palazzo Altieri, Piazza del Gesu', 49) la riunione del Comitato Esecutivo della Associazione Europea delle Banche Cooperative (EACB).

L'evento, secondo una consuetudine di rotazione che vede ogni sei anni tali riunioni coordinate dalle associazioni nazionali, e' organizzato congiuntamente dalla Associazione Nazionale delle Banche Popolari e da Federcasse, la Federazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali.

Fanno parte oggi dell'EACB (che ha sede a Bruxelles) 28 sistemi bancari cooperativi europei (con oltre 56 milioni di soci ed 850 mila collaboratori), accomunate dall'obiettivo di rappresentare nelle sedi istituzionali l'essenza, la specificita' e il ruolo della cooperazione di credito, che gioca un ruolo essenziale all'interno del sistema economico.

com-ram ---- (ASCA) - Roma, 9 giu 2014 - Operano nel nostro continente 4.000 banche cooperative con oltre 71 mila sportelli, al servizio di 215 milioni di clienti, soprattutto comunita' locali e piccole e medie imprese (con un quota di mercato superiore al 20 per cento). In Italia invece la quota di mercato delle BCC e Banche Popolari e' superiore al 30%, mentre sul territorio la quota degli sportelli supera ampiamente il 40%.

All'ordine del giorno dei lavori, i temi di piu' stretta attualita' che investono il sistema creditizio continentale in procinto - con l'entrata in vigore dell'Unione Bancaria - di adottare normative che modificheranno sostanzialmente il contesto di riferimento. Normative tarate quasi esclusivamente sui grandi gruppi gestiti in forma di societa' di capitali che, se non adottate con criteri di proporzionalita' capaci di riconoscere la ricchezza e la biodiversita' dei sistemi bancari come quello cooperativo, rischiano di penalizzare una componente essenziale allo sviluppo delle economie locali e della democrazia economica.

Banche, peraltro, capaci di svolgere appieno in questi anni di crisi drammatica il proprio ruolo anticiclico.

In questo senso, la volonta' di tenere la riunione del board dell'EACB a Roma, a pochi giorni dall'avvio del semestre di Presidenza italiano dell'Unione Europea, rappresenta una opportunita' unica per rilanciare le istanze della cooperazione di credito continentale.

Nel corso della riunione, che sara' aperta dai Presidenti di Federcasse Alessandro Azzi e della Associazione Nazionale fra le Banche Popolari Emilio Zanetti, si provvedera' inoltre alla nomina del nuovo board - che vede attualmente alla Presidenza il francese Christian Talgorn (Credit Agricole) - ed alla nomina a vice presidente di un rappresentante della cooperazione bancaria italiana. com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina