martedì 28 febbraio | 11:20
pubblicato il 03/apr/2014 14:04

Bcc: accordo con sindacati per favorire uscita da crisi

Bcc: accordo con sindacati per favorire uscita da crisi

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Un percorso finalizzato a definire soluzioni negoziali che possano concorrere al superamento degli effetti negativi della crisi. Questo e' il focus dell'Accordo siglato ieri, 2 aprile, tra Federcasse (la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo - Casse Rurali) e le Segreterie Nazionali delle organizzazioni sindacali di categoria. L'accordo si colloca nell'ambito del confronto che la stessa Federcasse, dopo la disdetta del contratto nazionale di lavoro per i dipendenti del Credito Cooperativo dello scorso 26 novembre, aveva auspicato per individuare ''termini e misure concrete di quel rinnovamento normativo che appare non piu' rinviabile''. L'intesa, in estrema sintesi, si basa sul comune riconoscimento della contrattazione collettiva nazionale quale principale strumento dell'organizzazione del lavoro, in grado di assicurare sia l'uniformita' delle tutele e della loro organizzazione, sia il riconoscimento delle peculiarita' che - a livello locale - fanno delle BCC un unicum del sistema bancario del nostro Paese. ''La contrattazione collettiva nazionale e' fra i principali strumenti di governo dell'organizzazione del lavoro'', ha sottolineato a questo proposito il presidente della Delegazione negoziale di Federcasse, Augusto dell'Erba. ''Ci attendiamo che essa continui ad assicurare il riconoscimento delle specificita' territoriali del Credito Cooperativo in una prospettiva di coerenti relazioni industriali e di valorizzazione del sistema BCC, sostenendone le esigenze di competitivita' e produttivita'''. Le parti, in particolare, hanno convenuto di ricercare, in tempi contenuti, soluzioni condivise su alcuni temi nevralgici quali l'aggiornamento della disciplina di Categoria sulle Agibilita' sindacali e sugli Assetti della contrattazione collettiva, per pervenire alla definizione di un testo coordinato del contratto. A fronte del rispetto degli impegni congiuntamente assunti, Federcasse si rende disponibile a prorogare, oltre la data prevista del 30 giugno 2014, gli effetti del recesso dal contratto nazionale di categoria comunicato lo scorso 26 novembre. com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Lavoro
Lavoro, Camusso: su data referendum tutto tace
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech