martedì 24 gennaio | 18:53
pubblicato il 03/apr/2014 14:04

Bcc: accordo con sindacati per favorire uscita da crisi

Bcc: accordo con sindacati per favorire uscita da crisi

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Un percorso finalizzato a definire soluzioni negoziali che possano concorrere al superamento degli effetti negativi della crisi. Questo e' il focus dell'Accordo siglato ieri, 2 aprile, tra Federcasse (la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo - Casse Rurali) e le Segreterie Nazionali delle organizzazioni sindacali di categoria. L'accordo si colloca nell'ambito del confronto che la stessa Federcasse, dopo la disdetta del contratto nazionale di lavoro per i dipendenti del Credito Cooperativo dello scorso 26 novembre, aveva auspicato per individuare ''termini e misure concrete di quel rinnovamento normativo che appare non piu' rinviabile''. L'intesa, in estrema sintesi, si basa sul comune riconoscimento della contrattazione collettiva nazionale quale principale strumento dell'organizzazione del lavoro, in grado di assicurare sia l'uniformita' delle tutele e della loro organizzazione, sia il riconoscimento delle peculiarita' che - a livello locale - fanno delle BCC un unicum del sistema bancario del nostro Paese. ''La contrattazione collettiva nazionale e' fra i principali strumenti di governo dell'organizzazione del lavoro'', ha sottolineato a questo proposito il presidente della Delegazione negoziale di Federcasse, Augusto dell'Erba. ''Ci attendiamo che essa continui ad assicurare il riconoscimento delle specificita' territoriali del Credito Cooperativo in una prospettiva di coerenti relazioni industriali e di valorizzazione del sistema BCC, sostenendone le esigenze di competitivita' e produttivita'''. Le parti, in particolare, hanno convenuto di ricercare, in tempi contenuti, soluzioni condivise su alcuni temi nevralgici quali l'aggiornamento della disciplina di Categoria sulle Agibilita' sindacali e sugli Assetti della contrattazione collettiva, per pervenire alla definizione di un testo coordinato del contratto. A fronte del rispetto degli impegni congiuntamente assunti, Federcasse si rende disponibile a prorogare, oltre la data prevista del 30 giugno 2014, gli effetti del recesso dal contratto nazionale di categoria comunicato lo scorso 26 novembre. com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Aeroporti
Aeroporti, Enac: nei prossimi 5 anni investimenti per 4,2 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4