domenica 11 dicembre | 10:02
pubblicato il 10/dic/2013 12:00

Battaglia in Ue contro "semaforo" Gb che penalizza Dop italiane

In Consiglio Salute in nove appoggiano Italia contro Londra

Battaglia in Ue contro "semaforo" Gb che penalizza Dop italiane

Bruxelles, 10 dic. (askanews) - E' cominciata in Consiglio Ue oggi a Bruxelles la battaglia dell'Italia e dei suoi alleati - paesi mediterranei o comunque favorevoli a un'informazione onesta dei consumatori - contro il sistema "a semaforo" che la Gran Bretagna sta applicando ai prodotti alimentari venduti nelle sue grandi catene di distribuzione. Il semaforo, dichiaratamente volto ad avvertire i consumatori del rischio che comporta l'eccesso di grassi, sale e zuccheri negli alimenti che acquistano, rischia paradossalemente di penalizzare proprio i prodotti più importanti del cibo "made in Italy" e le denominazioni protette della dieta mediterranea, sinonimo di qualità e genuinità. Il semaforo nell'etichetta di un alimento diventa rosso quando vengono superate le dosi massime giornaliere ("daily intake") di grassi (17,5 grammi) sale (1,5 grammi) e zuccheri (22,5 grammi) per 100 grammi di prodotto. Durante il Consiglio dei ministri della Salute dei Ventotto, oggi a Bruxelles, in assenza del ministro italiano, il numero due della rappresentanza permanente presso l'Ue, Marco Peronaci, ha sottolineato che rischia di prodursi una situazione paradossale per cui nei supermercati britannici molte Dop, che l'Unione promuove,(per esempio l'olio extravergine di oliva, o il parmigiano) si ritroverebbero stigmatizzate dal bollino rosso nei supermercati britannici, mentre non lo sarebbero prodotti di bassa qualità, come ad esempio bibite gassate dolcificate all'aspartame. Inoltre, l'etichetta dei prodotti col semaforo, se commercializzati dai grandi distributori britannici in altri paesi membri, comporterebbe problemi a livello di coerenza del mercato unico, ha sottolineato il rappresentante dell'Italia. L'intervento italiano è stato appoggiato esplicitamente da nove paesi (Francia, Spagna, Cipro, Grecia, Romania, Portogallo, Lussemburgo, Slovacchia e Slovenia), mentre nessuno si è alzato per sostenere (come spesso avviene in altre occasioni) l'intervento del rappresentante britannico, che si è limitato a ribadire che Londra non ha violato alcuna nroma comunitaria, essendo il sistema a semaforo applicato in base a un accordo volontario del governo con le catene di distribuzione. Il governo conta di riportare la battaglia anche al livello dei ministri dell'Agricoltura e di quelli competenti per il Mercato interno, sollecitando la Commissione a intervenire con i suoi poteri di controllo. "Quello inglese è un sistema di etichettatura che condiziona e non informa i cittadini, uno strumento semplicistico che rischia di danneggiare i prodotti di qualità, in particolar modo quelli italiani", ha dichiarato in una nota nel pomeriggio Paolo De Castro (Pd), presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. "Lo scorso settembre - ha ricordato De Castro - abbiamo presentato un'interrogazione parlamentare per invitare la Commissione a occuparsi della vicenda... Criteri standard di valutazione, basati sui quantitativi di sale, zuccheri e grassi presenti, non permettono al consumatore di leggere nel dettaglio l'etichetta e scegliere autonomamente l'acquisto. E' evidente che questo sistema penalizza gravemente i prodotti a denominazione e indicazione di origine, con un chiaro danno per il made in Italy agroalimentare... Il Parlamento europeo - ha concluso - continuerà a battersi per garantire la trasparenza delle informazioni in etichetta, tutelando consumatori e prodotti di qualità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina