sabato 21 gennaio | 19:04
pubblicato il 28/mag/2015 17:30

Barbagallo (Uil): far crescere contrattazione secondo livello

Ma all'interno di un contratto nazionale

Barbagallo (Uil): far crescere contrattazione secondo livello

Rho (askanews) - "Nel nostro modello contrattuale c'è una geometria variabile fra contratto nazionale e aziendale. Dobbiamo far crescere la contrattazione di secondo livello ma all'interno di un contratto nazionale quadro". Lo ha dichiarato Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil, commentando la relazione del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi.

"Noi siamo per fare i contratti, abbiamo proposto un modello contrattuale basato sulla crescita. Chiediamo all'impresa di discutere con noi per ridare potere d'acquisto ai lavoratori e ai pensionati del Paese perché senza di loro non c'è crescita", ha aggiunto Barbagallo. Quanto all'andamento del settore industriale, il leader della Uil ha sottolineato che "l'export va bene ma va male tutta l'impresa che lavora per la produzione interna".

Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4