venerdì 09 dicembre | 09:13
pubblicato il 28/mag/2015 17:30

Barbagallo (Uil): far crescere contrattazione secondo livello

Ma all'interno di un contratto nazionale

Barbagallo (Uil): far crescere contrattazione secondo livello

Rho (askanews) - "Nel nostro modello contrattuale c'è una geometria variabile fra contratto nazionale e aziendale. Dobbiamo far crescere la contrattazione di secondo livello ma all'interno di un contratto nazionale quadro". Lo ha dichiarato Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil, commentando la relazione del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi.

"Noi siamo per fare i contratti, abbiamo proposto un modello contrattuale basato sulla crescita. Chiediamo all'impresa di discutere con noi per ridare potere d'acquisto ai lavoratori e ai pensionati del Paese perché senza di loro non c'è crescita", ha aggiunto Barbagallo. Quanto all'andamento del settore industriale, il leader della Uil ha sottolineato che "l'export va bene ma va male tutta l'impresa che lavora per la produzione interna".

Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina