domenica 26 febbraio | 15:59
pubblicato il 09/dic/2015 16:29

Bankitalia:senza decreto avrebbero pagato depositi e bond ordinari

Per Commissione devono pagare tutti portatori bond subordinati

Bankitalia:senza decreto avrebbero pagato depositi e bond ordinari

Roma, 9 dic. (askanews) - "Senza il decreto avrebbero pagato", con l'applicazione successiva del bail-in alle 4 banche (Carife, Carichieti, Banca Marche e Banca Etruria), "anche i depositanti (sopra 100mila euro) e gli obbligazionisti ordinari". Lo ha detto Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento Vigilanza di Bankitalia nel corso della audizione alla Commissione Finanze della Camera, parlando del decreto del governo.

Nel salvataggio delle 4 banche hanno pagato pegno gli azionisti ed i portatori di tutte le obbigazioni subordinate, tra loro molti rispamiatori retail.

Barbagallo ha ricordato che la partecipazione alle perdite da parte di tutti portatori di bond subordinati, nel caso di procedura di salvataggio che deve essere approvata da Bruxelles alla luce delle procedure sugli aiuti di Stato, è supportata da una comunicazione dell'agosto 2013 della Commissione Ue alla concorrenza,"dunque non poteva essere fatta una distinzione tra le varie categorie di bond subordinati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech