lunedì 05 dicembre | 11:54
pubblicato il 14/giu/2013 13:49

Bankitalia/Campania: disoccupazione al 19,3% le donne al 22,3%

(ASCA) - Napoli, 14 giu - Nonostante la ripresa dell'occupazione (20mila unita' in piu' nel 2012 con punte di intensita' registrate nel quarto trimestre) resta molto alto il tasso di disoccupazione in Campania che si attesta sul 19,3% (dal 15,5% dell'anno precedente), il piu' elevato delle regioni italiane.

Tasso che cresce ancora se si guarda all'occupazione femminile che con il 22,3% si situa si livelli quasi doppi della media nazionale (11,9%).

L'incremento dei disoccupati riguarda sia le persone con precedente esperienza di lavoro, sia quelle in precedenza inattive. Quanto alla Cig, si e' interrotto il ricorso per la forte riduzione di quella in deroga (-24,4%) mentre sono cresciuti gli interventi straordinari (17,8%) e quelli ordinari (1,9%). Il numero di occupati in Cig stimato in base alla 'Rivelazione sulle forze di lavoro' dell'Istat e' invece aumentato in rapporto all'occupazione dipendente dall'1,5 al 2,2%. Nei primi tre mesi del 2013 le ore autorizzate sono cresciute del 28,9%. dqu/res/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari