lunedì 27 febbraio | 11:27
pubblicato il 09/apr/2013 14:27

Bankitalia: Visco, necessaria conoscenza finanza islamica

Bankitalia: Visco, necessaria conoscenza finanza islamica

(ASCA) - Roma, 9 apr - Per il nostro paese e' necessaria la conoscenza della finanza islamica, cha a fine anno arrivera' a registrare circa 1.900 miliardi di dollari di assets. Lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, nell'introdurre i lavori del convegno sulla finanza islamica a Palazzo Koch. ''L'opportunita' di attrarre capitali esteri per sostenere il progresso economico e l'intensita' dei rapporti commerciali e finanziari con le sponde meridionali del Mediterraneo, rendono - per il governatore - sempre piu' importante perl'Italia e per il suo sistema finanziario essere forniti di conoscenza e strumenti operativi necessari per interagire con il sistema finanziario islamico''. E' difficile - ha proseguito - ''una accurata misura, ma secondo alcuni analisti e' attorno a 1.600 miliardi di dollari, solo l'1% del totale ma con tassi di crescita a due cifre''. Visco ha rilevato inoltre due possibili punti di freno alla finanza islamica in Europa: l'obbligo per le banche del vecchio continente di avere un'assicurazione sui depositi o un sistema di garanzie (proibito secondo la legge islamica), e inoltre il ruolo dei consigli 'sharia' laddove in Europa la responsabilita' delle decisioni del consiglio della banca non puo' essere condivisa con altri soggetti.

Visco ha poi sottolineato che la finanza islamica opera in circa 70 paesi. L'Europa fa anche parte di questo process.

Ci si attende inoltre - ha detto - che questo espansione continui anche nel futuro piu' vicino, alcuni analisti stimano che alla fine dell'anno le attivita' saranno attorno a 1.900 miliardi di dollari. In ultimo Visco ha osservato che ci sono alcune questioni ''che potrebbero inibire lo sviluppo della finanza islamica''. E a questo proposito ha ricordato che ''la cornice operativa dell'Eurosistema fa affidamento sugli strumenti basati sul tasso d'interesse''. Inoltre, per quanto riguarda la supervisione e la regolamentazione prudenziale, ''tutte le banche - ha detto - hanno l'obbligo di aderire a schemi di garanzia sui depositi e/o di compensazione dei servizi finanziari, mentre secondo la giurisprudenza prevalente in molti paesi islamici i depositi negli istituti islamici non possono essere coperti da schemi di garanzia''.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech