giovedì 08 dicembre | 19:18
pubblicato il 11/mar/2014 14:08

Bankitalia: Visco, la laurea in Italia rende meno che in Ue (1 UPD)

Bankitalia: Visco, la laurea in Italia rende meno che in Ue (1 UPD)

(ASCA) - Roma, 11 mar 2014 - ''Nel 2010 il rendimento della laurea per i lavoratori dipendenti italiani rispetto a chi ha solo un diploma e' stato di poco piu' del 30%, 15 punti percentuali in meno rispetto agli altri maggiori paesi europei''. Il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, ribadisce che nel nostro paese la laurea rende meno che nelle altre nazioni in Europa. Visco ha inoltre rilevato che il rendimento ''e' significativamente piu' basso per i piu' giovani''.

L'incidenza dei laureati, e' tuttavia bassa in Italia nel confronto europeo (16 contro 28 per cento nel 2012, 22 contro 35 nella fascia di eta' 25-34 anni), ha rilevato il governatore. E' inoltre tradizionalmente modesta la quota di laureati nelle discipline tecnico-scientifiche (nel 2011 pari al 5 cento del totale della manodopera, contro il 10). Cio' ha un impatto rilevante soprattutto nelle professionalita' legate alle nuove tecnologie - i cosiddetti ICT jobs - la cui domanda era aumentata in Italia fino al 2007, raggiungendo il 24% del totale degli occupati, in linea con i livelli registrati negli altri maggiori paesi europei.

''Tra il 2007 e il 2011 il numero di queste posizioni lavorative, si e' ridotto in Italia di oltre il 20 per cento.

La contrazione ha interessato in particolare i diplomati (-27,6 per cento contro un aumento di poco superiore all'1% per i laureati), che in Italia tradizionalmente suppliscono alla relativa carenza di laureati, e in special modo i piu' giovani'', ha sottolineato ancora il governatore.

A peggiorare la situazione, Visco ricorda che '' a fronte di una media del 49 per cento tra i paesi partecipanti, il 70 per cento degli adulti italiani non e' in grado di comprendere adeguatamente testi lunghi e complessi''. Una quota analoga degli italiani adulti inoltre non e' in grado di completare compiti basati sull'elaborazione di informazioni matematiche estrapolabili da contesti verbali o grafici (contro il 52 per cento nella media dei paesi partecipanti).

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni