martedì 28 febbraio | 02:43
pubblicato il 20/nov/2013 13:49

Bankitalia: Valla d'Aosta, calo per occupazione, fatturato e prestiti

Bankitalia: Valla d'Aosta, calo per occupazione, fatturato e prestiti

(ASCA) - Roma, 20 nov - Segnali ancora incerti per la Valle d'Aosta che non dimostra elementi di ripresa economica, a parte la qualita' del credito che evidenzia un lieve miglioramento. ''Nel corso del 2013 e' proseguito il calo dell'attivita' economica in Valle d'Aosta. Nel settore manifatturiero la flessione della domanda, sia interna sia estera, si e' riflessa negativamente sull'attivita' produttiva e sul grado di utilizzo degli impianti, ancora lontano dai valori pre-crisi; la propensione delle imprese a investire e' rimasta su livelli molto contenuti. Le aspettative degli operatori non prefigurano un miglioramento a breve termine''.

E' quanto spiega l'Aggiornamento alla Congiuntura dell'Economia della Valle d'Aosta, diffuso oggi dalla Banca d'Italia.

Nel comparto delle costruzioni - si legge - e' proseguita la flessione determinata dall'andamento negativo della domanda.

Anche nel settore dei servizi la congiuntura continua a essere sfavorevole. In particolare, nel turismo gli arrivi e le giornate di presenza sono diminuite, soprattutto per la debolezza della componente nazionale.

Il numero di occupati in regione ha continuato a ridursi; anche l'occupazione femminile, dopo un triennio di crescita, si e' contratta. Il tasso di disoccupazione, nella media del primo semestre dell'anno, ha superato l'8 per cento.

Nei primi sei mesi dell'anno la flessione dei prestiti bancari alla clientela residente in regione e' proseguita, risentendo della debolezza del quadro congiunturale che influenza la domanda e le condizioni di offerta del credito.

La diminuzione dei finanziamenti e' stata piu' intensa per le imprese medio grandi mentre si e' attenuato il calo di quelli concessi alle famiglie consumatrici, in particolare per l'acquisto di abitazioni.

La qualita' del credito erogato alle imprese evidenzia qualche segnale di miglioramento, anche se e' ancora aumentata l'incidenza delle posizioni che presentano difficolta' e ritardi nei rimborsi; e' rimasta stabile per le famiglie consumatrici. Si e' attenuata la crescita della raccolta bancaria presso la clientela residente in regione, riflettendo la dinamica dei depositi a risparmio. Il valore complessivo dei titoli in custodia e amministrazione presso le banche delle famiglie valdostane, valutati al fair value, e' cresciuto grazie all'aumento delle quote di OICR. ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech