martedì 17 gennaio | 22:32
pubblicato il 12/nov/2013 16:13

Bankitalia: Umbria, peggiora qualita' credito. Imprese piu' ottimiste

Bankitalia: Umbria, peggiora qualita' credito. Imprese piu' ottimiste

(ASCA) - Roma, 12 nov - Peggiora la qualita' del credito in Umbria, anche se le imprese sono piu' ottimiste sul fatturato e il tasso di disoccupazione supera il 10%. E' quanto si legge nell'Aggiornamento alla Congiuntura economica dell'Umbria messo a punto dalla Banca d'Italia. Nel corso del 2013 l'attivita' economica regionale si e' mantenuta debole, risentendo soprattutto del prolungato calo della domanda interna; al netto del settore dei metalli, le cui vendite risentono fortemente di operazioni infragruppo legate all'acciaieria di Terni, la domanda estera ha invece fornito un contributo positivo. In base all'indagine della Banca d'Italia, le imprese che hanno registrato una flessione del fatturato nei primi nove mesi dell'anno prevalgono nettamente su chi ha conseguito un aumento, senza significative differenze tra settori. In una situazione di incertezza sull'evoluzione del quadro macroeconomico, gli investimenti non hanno mostrato segnali di ripresa rispetto ai livelli, gia' modesti, dello scorso anno. A partire dal terzo trimestre, il calo dell'attivita' si e' attenuato e le indicazioni fornite dalle imprese si sono orientate a un moderato ottimismo circa l'andamento in prospettiva della produzione e del fatturato.

Nella media del primo semestre dell'anno il numero di occupati si e' ridotto (-1,2 per cento). Le persone in cerca di occupazione sono aumentate di circa 4 mila unita'; il tasso di disoccupazione ha raggiunto il livello piu' alto degli ultimi venti anni al 10,4 per cento (18,5 nella fascia di eta' 15-34 anni).

Nel primo semestre dell'anno si e' intensificata la contrazione dei finanziamenti. Il prolungarsi della recessione si e' riflesso sulla domanda di prestiti, che continua a essere debole, e sulla qualita' del credito, ulteriormente peggiorata. A tale situazione si e' associato un orientamento dell'offerta ancora improntato alla cautela, soprattutto nei confronti delle imprese. La flessione dei prestiti e' stata piu' consistente per gli intermediari appartenenti ai primi cinque gruppi nazionali, ma ha iniziato a interessare anche quelli di minore dimensione. La raccolta al dettaglio ha rallentato in relazione al calo della componente obbligazionaria.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa