domenica 22 gennaio | 11:24
pubblicato il 21/nov/2013 12:01

Bankitalia: Toscana, si attenua recessione. In calo prestiti

Bankitalia: Toscana, si attenua recessione. In calo prestiti

(ASCA) - Roma, 21 nov - Si attenua la fase recessiva in Toscana, dove i segnali mostrano un lieve miglioramento ma i prestiti diminuiscono e la qualita' del credito peggiora.

''Nel primo semestre dell'anno e' proseguita la fase recessiva avviatasi dalla meta' del 2011. Gli indicatori disponibili mostrano tuttavia un'attenuazione della dinamica negativa dal secondo trimestre; le previsioni per i prossimi mesi risulterebbero piu' favorevoli''. E' il quadro disegnato dall'Aggiornamento Congiunturale all'Economia della Toscana della Banca d'Italia, diffo oggi.

Nell'industria - si legge - l'attivita' si e' contratta nei primi sei mesi, soprattutto per la persistente debolezza della domanda interna. Le esportazioni hanno fornito un contributo positivo nei settori di specializzazione regionale quali la moda e la meccanica. E' proseguita la grave fase recessiva nell'edilizia, sia nel comparto residenziale sia in quello delle opere pubbliche. Nei servizi si sono contratti le vendite al dettaglio, i flussi turistici degli italiani e i movimenti di merci negli scali toscani.

Il numero degli occupati e' sceso, soprattutto nel primo trimestre, nonostante il ricorso agli ammortizzatori sociali sia stato ancora elevato. Al perdurante calo dell'occupazione nell'industria si e' aggiunta la contrazione nel comparto dei servizi. Le persone in cerca di occupazione sono aumentate, determinando un innalzamento del tasso di disoccupazione.

I prestiti alle imprese e alle famiglie sono diminuiti, risentendo della debolezza della domanda e delle tensioni dal lato dell'offerta connesse con l'elevato rischio di credito.

La contrazione e' stata piu' intensa nel settore produttivo, in particolare per le imprese manifatturiere. Il protrarsi della fase recessiva continua a incidere negativamente sulla qualita' del credito, che e' ulteriormente peggiorata nei primi sei mesi del 2013, soprattutto nell'industria. E' proseguita a ritmi contenuti la crescita sia della raccolta bancaria sia dei titoli in deposito.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4