venerdì 20 gennaio | 23:35
pubblicato il 04/feb/2012 12:01

Bankitalia/ Sostegno al credito: molto a imprese,meno a famiglie

Studio: moratorie efficaci ma in scadenza, misure servono ancora

Bankitalia/ Sostegno al credito: molto a imprese,meno a famiglie

Roma, 4 feb. (askanews) - Molte risorse per le imprese, molte meno per le famiglie. il bilancio di tre anni di misure a sostegno dell'accesso al credito per affrontare la crisi economica, secondo un paper realizzato da alcuni ricercatori del servizio studi della Banca d'Italia ('L'accesso al credito in tempo di crisi'). "Le iniziative riservate alle imprese - sottolinea lo studio - sono state di entità significativa, avendo interessato risorse pari a circa il 5% delle erogazioni di prestiti bancari dall'inizio del 2009 a settembre 2011". Per le famiglie, invece, "il corrispondente valore è stato più contenuto, pari a poco più dell'1%: il minore impatto è dovuto principalmente alla severità dei requisiti previsti per l'accesso ad alcune iniziative e alla modesta entità dei fondi stanziati". "La crisi - spiegano gli economisti di Palazzo Koch (Bartiloro, Carpinelli, Finaldi Russo e Pastorelli) - ha comportato un inasprimento delle condizioni d'offerta di finanziamenti. A partire dagli ultimi mesi del 2008, sono state adottate numerose misure di sostegno all'accesso al credito dirette a imprese e famiglie, quali sospensioni del rimborso del debito (moratorie), prestazioni di garanzia su alcuni tipi di finanziamento e varie forme di incentivo alla concessione di nuovi prestiti". "Sia per le imprese sia per le famiglie - evidenzia il paper - le sospensioni dei pagamenti si sono rivelate efficaci" e "oltre la metà dei prestiti che all'avvio dell'operazione presentavano ritardi nel pagamento delle rate sono tornati regolari al termine del periodo di sospensione". Ma gli interventi "sono ormai giunti a scadenza e, se non rinnovati, non potranno sostenere le condizioni finanziarie della clientela bancaria nei prossimi mesi". E le previsioni sfavorevoli "sull'evoluzione del quadro congiunturale in Italia nel 2012 e nel 2013 e le tensioni già oggi presenti nei bilanci bancari (per la raccolta e le crescenti esigenze di patrimonializzazione) lasciano supporre che misure di sostegno al finanziamento di imprese e famiglie possano essere richieste anche nei prossimi anni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4