sabato 03 dicembre | 01:54
pubblicato il 04/feb/2012 12:01

Bankitalia/ Sostegno al credito: molto a imprese,meno a famiglie

Studio: moratorie efficaci ma in scadenza, misure servono ancora

Bankitalia/ Sostegno al credito: molto a imprese,meno a famiglie

Roma, 4 feb. (askanews) - Molte risorse per le imprese, molte meno per le famiglie. il bilancio di tre anni di misure a sostegno dell'accesso al credito per affrontare la crisi economica, secondo un paper realizzato da alcuni ricercatori del servizio studi della Banca d'Italia ('L'accesso al credito in tempo di crisi'). "Le iniziative riservate alle imprese - sottolinea lo studio - sono state di entità significativa, avendo interessato risorse pari a circa il 5% delle erogazioni di prestiti bancari dall'inizio del 2009 a settembre 2011". Per le famiglie, invece, "il corrispondente valore è stato più contenuto, pari a poco più dell'1%: il minore impatto è dovuto principalmente alla severità dei requisiti previsti per l'accesso ad alcune iniziative e alla modesta entità dei fondi stanziati". "La crisi - spiegano gli economisti di Palazzo Koch (Bartiloro, Carpinelli, Finaldi Russo e Pastorelli) - ha comportato un inasprimento delle condizioni d'offerta di finanziamenti. A partire dagli ultimi mesi del 2008, sono state adottate numerose misure di sostegno all'accesso al credito dirette a imprese e famiglie, quali sospensioni del rimborso del debito (moratorie), prestazioni di garanzia su alcuni tipi di finanziamento e varie forme di incentivo alla concessione di nuovi prestiti". "Sia per le imprese sia per le famiglie - evidenzia il paper - le sospensioni dei pagamenti si sono rivelate efficaci" e "oltre la metà dei prestiti che all'avvio dell'operazione presentavano ritardi nel pagamento delle rate sono tornati regolari al termine del periodo di sospensione". Ma gli interventi "sono ormai giunti a scadenza e, se non rinnovati, non potranno sostenere le condizioni finanziarie della clientela bancaria nei prossimi mesi". E le previsioni sfavorevoli "sull'evoluzione del quadro congiunturale in Italia nel 2012 e nel 2013 e le tensioni già oggi presenti nei bilanci bancari (per la raccolta e le crescenti esigenze di patrimonializzazione) lasciano supporre che misure di sostegno al finanziamento di imprese e famiglie possano essere richieste anche nei prossimi anni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari