domenica 22 gennaio | 21:35
pubblicato il 07/lug/2014 15:01

Bankitalia: segnali di ripresa ma ancora moderati e non al Sud

(ASCA) - Roma, 7 lug 2014 - Segnali di ripresa per il 2014 ma non ancora estesi al Sud, mentre nel 2013 il pil cala meno nel Nord-Ovest. Lo scorso anno infatti e' risultato in flessione in tutte le aree del Paese, ma i dati sono eterogenei. La flessione e' stata maggiore (-4 per cento) e piu' accentuata rispetto al 2012 (-2,9) nel Meridione, mentre si e' attenuato il calo nel Centro (-1,8 dal -2,5 dell'anno prima), nel Nord Est (-1,5 dal -2,5 del 2012) e soprattutto nel Nord Ovest (-0,6 dal -2,3 dell'anno precedente). Lo sottolinea la Banca d'Italia che ha pubblicato il report 'l'Economia nelle regioni italiane nel 2013'. Per il 2014 ''emergono segnali di ripresa - si legge - sebbene ancora moderati e differenziati tra le diverse aree. Il riavvio dell'attivita' delle regioni centro-settentrionali non si e' ancora esteso a quelle meridionali, meno aperte agli scambi internazionali''. Nel 2013 le esportazioni sono aumentate al Nord, rimaste pressoche' stabili al Centro, calate nel Mezzogiorno. La flessione dei consumi e degli investimenti e' stata piu' accentuata nel Meridione. Nell'industria in senso stretto, il valore aggiunto ha evidenziato nel 2013 una flessione in tutte le aree, piu' intensa nel Mezzogiorno e al Centro. L'indicatore del livello degli ordini ha fatto, pero', registrare sempre nel corso del 2013 una tendenza positiva: gli ordini sono, infatti, tornati a crescere nelle regioni centro settentrionali, trainati dalla componente estera e accompagnati da un decumulo delle scorte; e anche nel Mezzogiorno si e' registrata una ripresa degli ordinativi, sebbene piu' lenta che nelle altre aree. Nelle costruzioni la diminuzione del valore aggiunto e' stata piu' accentuata nelle regioni meridionali rispetto al resto del Paese; nei servizi il valore aggiunto si e' contratto in tutte le ripartizioni, con un calo significativo nel Meridione, ma con l'eccezione del Nord Ovest, dove e' cresciuto dell'1,1 per cento. Il tasso di disoccupazione ha raggiunto nel 2013 il 19,7 per cento nel Meridione, il 9,1 al Centro Nord; per i giovani fino a 29 anni, e' rispettivamente pari al 43 e al 23 per cento. Per quanto riguarda il credito, la flessione dei prestiti bancari e' risultata nel 2013 piu' pronunciata nel Nord Ovest, dove le imprese hanno pero' fatto un piu' intenso ricorso al mercato obbligazionario; e' stata meno marcata nel Mezzogiorno. I dati relativi al primo trimestre dell'anno in corso indicano, in tutte le macroaree, un'attenuazione della contrazione dei finanziamenti alle imprese manifatturiere e a quelle dei servizi. ram/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4