lunedì 05 dicembre | 12:11
pubblicato il 15/gen/2016 15:00

Bankitalia: rischi per la crescita, pesano Cina e terrorismo

Cruciale mantenere fiducia, avanti con misure di sostegno ciclico

Bankitalia: rischi per la crescita, pesano Cina e terrorismo

Roma, 15 gen. (askanews) - Ci sono "rischi significativi" per la crescita dell'economia, tra cui "sono molto rilevanti quelli associati al contesto internazionale, tornati in evidenza nelle ultime settimane". Lo sostiene la Banca d'Italia nel bollettino economico, secondo cui "il rallentamento in Cina e nelle economie emergenti potrebbe rivelarsi più marcato e duraturo rispetto alle ipotesi. Le tensioni di carattere geopolitico, dovute soprattutto all'instabilità della situazione in Medio Oriente e acuitesi con i recenti episodi terroristici, potrebbero ripercuotersi sulla fiducia di famiglie e imprese".

"I rischi per la crescita - sottolinea Palazzo Koch - sono orientati prevalentemente al ribasso. I principali fattori di rischio per l'attività economica derivano dal quadro internazionale e dalla conseguente incertezza delle imprese, che potrebbe frenare la propensione all'investimento. Una decelerazione più accentuata del previsto del commercio globale potrebbe avere ripercussioni anche sulla domanda interna, se un aumento dell'incertezza circa gli sviluppi delle esportazioni inducesse decisioni di investimento più caute".

"La politica monetaria - aggiunge Via Nazionale - deve al contempo fronteggiare con decisione i rischi al ribasso per l'inflazione, che potrebbero derivare sia da una crescita della domanda inferiore alle attese, qualora i margini di capacità produttiva inutilizzata restassero sugli attuali ampi livelli per un periodo prolungato, sia da ulteriori flessioni delle quotazioni delle materie prime, ove queste innescassero effetti di retroazione sulla dinamica dei salari. Presupposto per la realizzazione dello scenario qui delineato - conclude Bankitalia - è che venga mantenuta in Italia e nell'area euro la fiducia di famiglie, imprese e operatori finanziari e che proseguano con determinazione le politiche di sostegno ciclico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Riforme
Riforme, Dijsselbloem: mercati calmi, non servono misure emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari