mercoledì 07 dicembre | 14:15
pubblicato il 28/nov/2013 15:13

Bankitalia: Patuelli, faremo le valutazioni davanti al testo

Bankitalia: Patuelli, faremo le valutazioni davanti al testo

(ASCA) - Roma, 28 nov - ''Non ne so il risultato.

L'asticella non mi e' ancora nota dove sia arrivata''. Il presidente dei banchieri Antonio Patuelli, risponde cosi' ai giornalisti che a margine del convegno 'Credito al Credito', gli chiedono un commento alle decisioni prese ieri dal Consiglio dei ministri sulla rivalutazione delle quote detenute dalla banche in Bankitalia. Secondo Patuelli, si tratta di ''un adempimento a lungo maturato e non una sorpresa, ma anche questo lo valuteremo compiutamente davanti al testo'', dice.

Sulla cessione delle quote di alcune banche che hanno un capitale del 5%, Patuelli spiega di aver visto le anticipazioni di stampa: ''Bankitalia nella sua responsabile indipendenza ha scelto un modellouna banca ad azionariato privato diffuso, in coerenza con i trattati europei che limitano l'invadenza degli Stati del sistema europeo delle banche centrali''.

Secondo il presidente dell'Abi c'e' ''un problema complesso perche' la cessione di queste quote dovra' avvenire in due anni.

Questo riguarda solo taluni e non la maggioranza dei quotisti. Nel testo, poi, dovrebbe essere stata ampliata la platea dei nuovi potenziali detentori delle quote. E' un passaggio fondamentale per stabilire chi puo' diventare detentore delle quote della Banca d'Italia''. Infine sui prestitit bancari, Patuelli ha rilevato che c'e' ''un pessimismo superiore alle realta' sui prestiti bancari, ed ha spiegato che a fine dicembre 2007, prima della crisi, le banche prestavano 1.673 mld di euro. Ad ottobre 2013 i prestiti ammontavano a 1.857 mld di euro, ovvero ben 180 mld in piu' dopo 5 anni di crisi''.

Secondo Patuelli, ''in questi anni di crisi i prestiti sono aumentati di circa 100 miliardi di euro l'anno e allora ditemi voi se questo e' credit-crunch, ha osservato:.

dopo due anni di crisi del credito sovrano e 5 anni di crisi economica e finanziaria le banche non hanno fatto mancare il credito a famiglie e imprese''.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni